Tassa sui rifiuti, Napoli e Salerno tra le più esose in Italia

42

 

Tra il 2014 ed il 2017, la Tassa sui Rifiuti e’ aumentata mediamente dell’1,1%, mentre nell’ultimo anno si assiste ad una diminuzione pari all’1,8% sul 2016. In valori assoluti, spiega Guglielmo Loy – Segretario Confederale UIL – le famiglie italiane verseranno nel 2017 nelle casse comunali 295 euro medi, a fronte dei 300 euro dello scorso anno e dei 292 euro versati nel 2014. E’ quanto calcola la UIL Servizio Politiche Territoriali, elaborando i costi in 100 Citta’ capoluogo di provincia, per una famiglia con una casa di 80 mq e 4 componenti, con reddito ISEE di 17.812 euro. In valori assoluti nel 2017, spiega Guglielmo Loy, il costo maggiore si registra ad Agrigento con 474 euro l’anno a famiglia; a Pisa se ne pagano 473 euro; a Benevento 470 euro; a Siracusa 466 euro; a Salerno 462 euro. Si paga meno a Belluno (150 euro medi a famiglia); a Novara (165 euro); a Macerata (175 euro); a Vibo Valentia (178 euro); a Brescia (179 euro). Per quanto riguarda le grandi citta’, a Reggio Calabria la tariffa sui rifiuti pesa in media per 461 euro a famiglia; a Cagliari 447 euro; a Napoli 436 euro; a Bari 362 euro; a Venezia 351 euro; a Genova 339 euro.