Taxman, l’app che aiuta le ditte individuali a capire quanto guadagnano

64

“Per un freelance, è difficile capire quanto stia guadagnando al netto delle tasse. Taxman risolve questo problema per minimi e forfettari” afferma Paolo Pedà, co-fondatore.
La app, disponibile per iOS e Android, consente di archiviare e organizzare le proprie fatture, avere una stima in tempo reale delle tasse dovute, chattare con un commercialista e farsi assistere nella compilazione delle dichiarazioni a prezzi che i fondatori ritengono vantaggiosi. “L’app semplifica la gestione della contabilità e, di conseguenza, l’attività del commercialista” ci ha fatto sapere Rosario Barresi, amministratore della società “Questo ci ha permesso di prendere accordi con alcuni professionisti, per offrire servizi fiscali a prezzi competitivi. Secondo le nostre ricerche, una partita iva in regime agevolato può risparmiare con Taxman fino a 400 euro l’anno”. 
Inizialmente, l’app è nata per calcolare il risultato netto di ogni attività freelance e si è poi evoluta, puntando a diventare uno strumento completo per la gestione della partita iva. Secondo i fondatori c’è una carenza di software fiscali dedicati all’utente finale. Taxman è gratuita. L’utente, se lo desidera, può scaricare il riepilogo con le fatture ordinate e le foto allegate pagando 4,99€ all’anno e fare le dichiarazioni con la rete di commercialisti di Taxman (costo da 89,99€ a 129,99€). 
 “In futuro il lavoro sarà sempre più organizzato in maniera progettuale e digitale e il ruolo dei freelance sarà determinante” sostiene Dario Mendez Musicò, lo sviluppatore. La app ha già raggiunto centinaia di professionisti e punta ad allargarsi al regime ordinario entro la fine dell’anno.