Teatro, al San Carlo settembre con Zubin Mehta tra Napoli e Bangkok

174
in foto Zubin Mehta, direttore d'orchestra

Il mese di settembre al Teatro di San Carlo si apre con un grande e atteso ritorno, quello del direttore onorario Zubin Mehta che domenica 2 settembre alle ore 18 salirà sul podio del Massimo napoletano alla guida di Orchestra e Coro (quest’ultimo preparato da Gea Garatti). In programma la Sinfonia n. 9 in re minore di Ludwig van Beethoven. Interpreti il soprano Federica Lombardi, il mezzosoprano Veronica Simeoni, Saimir Pirgu (tenore) e Goran Jurić (basso).
Proprio la Sinfonia n.9 sembra segnare fortemente il sodalizio artistico che lega Mehta all’ Orchestra e al Coro del Teatro di San Carlo. Più volte infatti e sempre in occasioni prestigiose Zubin Mehta ha guidato le compagini sancarliane nell’esecuzione della più nota composizione di Beethoven: il concerto in Piazza del Plebiscito del 2008, la tournée a Granada e il Concerto per l’Europa al Duomo di Milano nel giugno 2017. Il Teatro di San Carlo dunque riabbraccia con gioia ed entusiasmo il Maestro Mehta, che per tutto il mese condurrà Orchestra e Coro anche su palcoscenici internazionali, come quello del Festival di Bangkok, in Thailandia, dove il San Carlo sarà in tournée per la prima volta dal 12 al 15 settembre con Carmen di Geroges Bizet (la regia è di Daniele Finzi Pasca) e due appuntamenti sinfonici dedicati a Ludwig van Beethoven e Pëtr Il’ič Čajkovskij.
Zubin Mehta sarà di nuovo a Napoli il 28 e 29 settembre per dirigere Stefano Bollani – che torna al San Carlo dopo 10 anni di assenza – nella Rhapsody in blue di George Gershwin. In programma, dedicato al ’900, un omaggio a Leonard Bernstein in occasione dei 100 anni dalla nascita: l’Ouverture dal Candide. Conclude Le Sacre du Printemps di Igor Stravinskij.