Teatro, compie 5 anni la Casa del Contemporaneo

23

Compie 5 anni Casa del Contemporaneo e prosegue nel suo disegno culturale, rivolgendosi a tutte le età e generazioni: dall’infanzia, agli studenti universitari, dalle famiglie agli spettatori piu’ specializzati e appassionati. Da questa stagione, saranno diverse le sale in cui andranno in scena gli spettacoli: Sala Assoli, il Teatro dei Piccoli, la cui attivita’ parte da ottobre, e successivamente lo spazio TK di Castellammare di Stabia e del Teatro Ghirelli di Salerno. Oltre ai titoli in abbonamento, ci saranno anche le rassegne che verranno presentate. E’ il caso, per esempio, di Fuori controllo, spazio aperto alle proposte arrivate dal territorio campano da giovani e meno giovani; Voci e altri invisibili, appuntamenti in luoghi d’arte, in collaborazione con il Museo Madre e la Fondazione Morra per gli spazi di Casa Morra e Museo Nitsch e, ancora in dialogo e collaborazione con il progetto milanese Stanze. Quest’anno nasce un laboratorio stabile diretto da Enzo Moscato artista residente e di riferimento della casa , Tra scrittura e vissuto personale. Per il Teatro dei Piccoli, la novita’ di quest’anno sono gli spettacoli in lingua inglese, spagnola e francese. In ottobre prendera’ il via il progetto Young curato da Morena Pauro, improntato alla formazione culturale e del gusto artistico di grandi e piccoli. Il programma di spettacoli si compone di 23 titoli che accompagnano il pubblico ad avvicinarsi al teatro e a tutte le forme espressive. La programmazione in Sala Assoli prende il via l’11 ottobre con una produzione di Casa del Contemporaneo, Modo Minore interpretazione, testo e regia di Enzo Moscato, arrangiamenti e direzione musicale di Pasquale Scialo’, musiche eseguite dall’ensemble Modo Minore. Ci saranno La vita dipinta, Ombre folli (testo inedito del drammaturgo palermitano), Mare Mater. L’abbonamento Hop si apre con Andromaca riscrittura buffa e fantasiosa di Euripide, regia di Massimiliano Civica per la compagnia toscana I Sacchi di Sabbia. In programma anche due focus sul lavoro e la ricerca di Roberto Latini-Fortebraccio Teatro e della compagnia Deflorian Tagliarini, in forma di collaborazione e condivisione, con realta’ come l’Asilo Filangieri e con il Teatro Nuovo.