Teatro, il “piano Be” del Bellini per la ripartenza: spettacoli in platea e spettatori nei palchi

59

Il Bellini di Napoli ha il suo ‘Piano Be’, un gioco di parole scelto come slogan per annunciare che il teatro c’è e lancia una originale sfida per affrontare la stagione post Covid: palco in platea, panche al posto delle poltrone e naturalmente spettatori nei palchi. Una esperienza già fatta dal teatro di Via Conte di Ruvo tre anni fa con il Glob(e)al Shakespeare e che richiamandosi a quella tradizione elisabettiana assicurerà il distanziamento sociale per 200 persone, limite massimo di capienza per le normative attualmente vigenti. Il cartellone dal 22 ottobre a 20 dicembre è stato presentato dai fratelli Gabriele, Daniele e Roberta Russo. Confermata anche l’attività del Piccolo Bellini (55 spettatori ammessi)a cura di Mario Gelardi del Nuovo Teatro Sanità e Napoleone Zavatto del Civico 14 di Caserta. Moltiplicate quindi le possibilità di fruire dell’offerta del teatro. Saranno 15 gli spettacoli per 99 repliche in sala grande, 9 spettacoli con 40 repliche al Piccolo. In cartellone anche anche 9 eventi di danza ( a cura di Manuela Barbato ed Emma Cianchi), altrettanti dedicati ai ragazzi, non mancherà la musica con 8 concerti(curatore Giovanni Block). Tra le novità, il progetto ‘Adiacente possibile’ firmato da Agostino Riitano che vedrà il coinvolgimento degli spettatori. Lo spettacolo ‘Le 5 rose di Jennifer’ di Ruccello avrà una nuova forma in 6 capitoli, il venerdi e sabato a mezzanotte spazio al genere horror. Tra i titoli in sala grande ‘Giacomino e mammà’ da Galceràn con Isa Danieli ed Enrico lanniello, il ‘David’ di Vuccirìa Teatro, ‘MDLSX’ con Silvia Calderoni, ‘Maggio 43’ di Davide Enia.