Tecnologia, dai Bitcoin ai Data Center: il futuro è sempre più energivoro

53
Foto di Darwin Laganzon da Pixabay

L’impegno di sostenibilità ed emissioni zero preso da tutti i big della Silicon Valley potrebbe essere infranto proprio dalla corsa alle nuove tecnologie come l’Intelligenza artificiale. Insieme alla creazione dei Bitcoin e ai data center che lavorano a pieno regime spingono infatti la domanda di energia mettendo a dura prova la transizione ecologica. Secondo un documento dell’Università di Washington dello scorso dicembre, centinaia di milioni di interrogazioni su ChatGpt possono costare circa 1 gigawattora al giorno, equivalente al consumo energetico di 33mila famiglie statunitensi.

Come riporta uno studio dell’Onu, generare Bitcoin – la criptomoneta che proprio qualche giorno fa ha raggiunto la valutazione record di 71 mila dollari – nel biennio 2020-2022 ha consumato 173.42 Terawattore di elettricità (l’Italia ne consuma 295), se fosse una nazione sarebbe la 27esima al mondo. E i data center, spina dorsale dei sistemi cloud, secondo l’Agenzia Internazionale per l’Energia consumano circa l’1% della domanda globale di elettricità contribuendo allo 0,3% delle emissioni globali di CO2. “Come può il mondo raggiungere l’obiettivo di zero emissioni se continua a inventare nuovi modi per consumare energia?”, è l’interrogativo che si è posto nei giorni scorsi la rivista The New Yorker, che in un articolo riporta le stime del sito Digiconosmist: se Google, ad esempio, dovesse in futuro integrare l’IA generativa in ogni ricerca il consumo di elettricità salirebbe a circa 29 miliardi di kilowattora l’anno, una quantità superiore a quella consumata da molti paesi tra cui Kenya, Guatemala e Croazia. “Gli strumenti di Intelligenza artificiale sono molto eterogenei, alcuni di questi richiedono piccole capacità di calcolo mentre quelli di IA generativa richiedono grandissima capacità e quindi una grande mole di energia, dall’impatto ambientale non trascurabile – spiega all’ANSA Nicola Gatti, professore ordinario di Intelligenza artificiale al Politecnico di Milano e responsabile dell’Osservatorio Artificial Intelligence – Una tra le tante sfide che la comunità scientifica deve affrontare è rendere questi modelli più specifici e di conseguenza più piccoli: questo potrebbe consentirne la riduzione dell’impatto ambientale”. Secondo i media americani, per soddisfare le esigenze energetiche dei futuri piani tecnologici OpenAi, la società madre di ChatGpt, sta investendo in energia a basso costo dal nucleare; anche Microsoft sta cercando professionalità ad hoc che permettano la costruzione di mini reattori su cui basare i progetti legati ad IA e cloud. “Lo sviluppo delle tecnologie digitali ha permesso il miglioramento di molti processi, incluso la produzione di beni, riducendo complessivamente il consumo di energia e l’impatto ambientale. Ma proprio la produzione di alcuni sistemi fondamentali per lo sviluppo di alcune tecnologie lascia domande aperte dal punto di vista dell’impatto ambientale, in particolare la produzione e l’utilizzo di batterie per i dispositivi elettronici”, conclude Gatti.