Terme di Casamicciola: dopo il crollo chiesto lo stato di calamità

50

I comuni di Casamicciola e Lacco Ameno hanno chiesto la dichiarazione di stato di calamità naturale per la situazione di pericolo del Vallone La Rita, una zona collinare di Casamicciola dove domenica scorsa e’ crollato uno stabilimento termale creando un elevato rischio idrogeologico, La richiesta arriva a seguito del crollo delle Antiche Terme La Rita, un edificio di 300 metri quadrati su tre piani reso inagibile dal sisma del 2017, che ha prodotto una grossa quantita’ di detriti che attualmente ostruiscono un alveo tombato; a seguito delle ispezioni organizzate nei giorni scorsi dalla Protezione Civile regionale con l’ausilio di tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico della Campania e’ emersa una situazione definita “catastrofica” dai sindaci dei due comuni isolani con la possibilita’ di ulteriori crolli. Stamattina presso il municipio casamicciolese si e’ tenuto un tavolo tecnico da cui e’ emersa la necessita’ (manifestata dalla Autorita’ di Bacino) di predisporre un piano di evacuazione della zona in caso di allerta meteo per i rischi connessi alla presenza di macerie che possono ostacolare il normale deflusso a valle delle acque piovane. I due comuni chiedono percio’ alla Protezione Civile di intervenire ed al Prefetto di Napoli di coordinare la fase emergenziale.