Terra dei fuochi, il Ministro Costa: Si lavora alla mappa delle attività a rischio ambientale

35
in foto Sergio Costa, ministro dell'Ambiente

Nella legge sulla Terra dei Fuochi “che sto scrivendo, ci sono norme di prevenzione importanti. Per esempio l’individuazione di tutte le lavorazioni a rischio ambientale, perche’ finora questo elenco non si e’ fatto. C’e’ quello delle attivita’ industriali a rischio”. Lo ha detto il ministro dell’Ambiente Sergio Costa intervistato alla trasmissione ‘Frankenstein – Il mostro in prima pagina’ su Rai2, spiegando che per esempio vale per “le piattaforme di stoccaggio dei rifiuti, che a volte ‘prendono fuoco’”. Si tratta di una “mappatura che sara’ presso le prefetture, che rappresentano stato e governo sul territorio. Se l’imprenditore vuole gestire un’attivita’ a rischio ambientale, deve dare garanzie che e’ solvibile con le fidejussioni, “cosi’ sono sicuro che non mi abbandoni quel sito, e poi paga il cittadino per poterle bonificare. Con le garanzie fideiussorie, avro’ i denari per metterlo in sicurezza e bonificare”. In caso di insolvenza “devi avere una repressione forte”, ma il “99% degli imprenditori e’ serio”. Costa ha rilevato che si vuole lavorare molto sulla prevenzione.