Terremoti, 2016 anno nero

20

Roma, 28 dic. (AdnKronos) – Il 2016 è stato l’anno nero per i terremoti in Italia. Lo afferma l’Istat nell’edizione 2017 dell’Annuario statistico italiano, sottolineando che nel nostro Paese si è registrata la maggiore attività sismica degli ultimi trent’anni. Le scosse si sono concentrate soprattutto nelle regioni del Centro Italia: Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo.

Il primo più importante evento sismico, di magnitudo 6,0, è avvenuto nella notte del 24 agosto 2016, alle ore 03:36, con epicentro nel comune di Accumoli (provincia di Rieti). A questo sono seguite numerose altre scosse, la più forte delle quali di magnitudo 5,3 nel comune di Norcia. Gli effetti di questi eventi hanno coinvolto migliaia di persone, provocato 299 vittime, numerosi feriti e danni sul territorio. I più gravi si sono registrati nei comuni di Accumoli, Amatrice (provincia di Rieti) e ad Arquata del Tronto (provincia di Ascoli Piceno).

Il sisma del 24 agosto ha aperto la strada a una lunga sequenza sismica continuata nel 2017. Il culmine si è raggiunto il 30 ottobre 2016 con la scossa di magnitudo 6,5 ed epicentro nel comune di Norcia (provincia di Perugia). È la scossa più forte registrata in Italia negli ultimi 35 anni (nel novembre 1980 il terremoto in Irpinia aveva raggiunto i 6,9 Mw). Con questa scossa è cresciuto il numero delle persone senza abitazione, così come i danni e i comuni coinvolti, ma non si sono registrate ulteriori vittime. Nei giorni precedenti, il 26 ottobre, erano stati registrati altri due importanti eventi sismici con magnitudo maggiore di 5 ed epicentro nel comune di Castelsantangelo sul Nera (provincia di Macerata).

Nel complesso sono 140, comprendendo anche la sequenza sismica verificatasi il 18 gennaio 2017 con epicentro in provincia de L’Aquila, i comuni colpiti dal sisma individuati dai decreti legge del 17 ottobre 2016, n. 189, dell’11 novembre 2016, n. 205 e n. 84 del 10 aprile 2017. Di questi, 15 sono in Umbria, 87 nelle Marche, 15 nel Lazio e 23 in Abruzzo. La superficie territoriale relativa a questi comuni è di 7.986 chilometri quadrati con una popolazione residente al 31 luglio 2016 di 582.259 unità.