Terremoto a Ischia, Schiavo (Confesercenti): Gli alberghi dell’isola sono sicuri

75

“Il terremoto che ha colpito Ischia rischia di provocare danni ingenti all’economia isolana”. E’ quanto afferma il presidente interprovinciale di Confesercenti (Napoli, Avellino e Benevento) Vincenzo Schiavo, il quale parla di “allarmismo eccessivo” in relazione al fiume di disdette giunte nelle ultime ore agli alberghi isolani. “Le strutture alberghiere sono agibili e senza problemi di stabilità”.

“Siamo addolorati per il terremoto che ha colpito Ischia e per le vittime. Esprimiamo la nostra profonda e sentita solidarietà alle famiglie colpite dal sisma e, come Confesercenti, ci siamo già attivati per supportare i nostri operatori turistici e del commercio, i loro clienti e le loro attività”. In tal senso la direzione nazionale di Confesercenti, di cui Schiavo è membro, ha attivato le procedure d’urgenza già offerte per altre calamità naturali, in modo da sostenere le perdite delle attività commerciali.

“Ai nostri affiliati, alle imprese di Ischia colpite e danneggiate dal sisma – spiega Schiavo – offriamo finanziamenti a tasso zero per garantire loro una rapida ripartenza”.

“Allo stato attuale le strutture ricettive ischitane sono assolutamente sicure e possono ospitare i turisti. Questa fuga da Ischia è ingiustificata, il sisma ha provocato danni, purtroppo, su edifici vetusti del centro storico di Casamicciola. Gli alberghi attendono i turisti ai quali assicurano massima assistenza”.

In questo senso ampie rassicurazioni vengono offerte anche da uno dei tour operator dell’isola verde, la “Imperatore Travel World” che in una nota precisa: “Il ricettivo alberghiero, parchi termali, lidi balneari, la ristorazione e tutti gli altri servizi della filiera sono indenni e perfettamente operativi senza alcun danno ricevuto. La viabilità, con i suoi percorsi stradali principali e secondari, è nella norma, così come i trasporti pubblici e privati ed i collegamenti marittimi con la terra ferma; in particolare le corse dei traghetti e aliscafi sono perfettamente regolari sia in partenza che in arrivo, e le autorità pubbliche hanno istituito ulteriori corse supplementari a sostegno di quelle ordinarie per consentire l’agevole deflusso dall’isola in caso di necessità”.