Terremoto: Toninelli, missione è prevenzione, tavolo tecnico su sisma bonus

9

Roma, 26 set. (Labitalia) – “E’ ottimo quanto sta accadendo: io fin dall’inizio del mandato ho cercato di interfacciarmi da subito con questo gruppo di categorie professionali tecniche di cui il Paese ha bisogno. I terremoti non si possono prevenire, ma se ne possono prevenire i danni. La prevenzione sarà la mia missione”. Così il ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, è intervenuto alla presentazione della ‘Prima giornata nazionale della prevenzione sismica’, promossa da Fondazione Inarcassa, dal Consiglio nazionale degli ingegneri, dal Consiglio nazionale degli architetti e con il patrocinio di Inarcassa, del ministero del Lavoro e del ministero della Giustizia.

La giornata è in programma per domenica 30 settembre. Toninelli ha ricordato il ruolo che in futuro avranno gli ingegneri. “Con l’Agenzia nazionale -ha spiegato- finalmente avremo ingegneri che potranno andare ad ispezionare le infrastrutture che sono gestite nella maggior parte dei casi da concessionari privati. Lo Stato quindi torna a fare lo Stato: gestisce, controlla e sanziona gli inadempienti”. E Toninelli ha sottolineato l’importanza del ‘sisma bonus’: “E’ una buona idea che però è rimasta su un binario morto. Il mio impegno è di aprire un tavolo tecnico con il Mef, con gli ingegneri, gli architetti e gli altri interlocutori per attivare il ‘sisma bonus’, abbiamo già capito che cosa lo ha bloccato”.

Ad esempio, secondo Toninelli, si deve intervenire “sulla classificazione sismica degli edifici che deve essere effettuata dagli ingegneri, che devono essere remunerati”. “E, considerando -aggiunge- le ristrettezze economiche degli italiani, questo è un aspetto su cui intervenire. Quindi, noi possiamo mettere in campo interventi attraverso il tavolo tecnico per la copertura e la detrazione degli interventi legati al ‘sisma bonus’ ma anche sulla classificazione sismica”. Toninelli ha anche aggiunto che “il sisma bonus scade nel 2012, abbiamo già perso 2 anni ma abbiamo la notizia che una buona idea che stava morendo adesso sta ricominciando a vivere”. E Toninelli ha concluso annunciando che cercherà di essere “in qualcuna delle città in cui il 30 settembre ci saranno iniziative”.