Test Hpv al post del Pap test: in 6 regioni è già realtà

53

Dopo oltre 70 anni, l’utilizzo del Pap Test come primo screening per individuare lesioni precancerose al collo dell’utero sta lasciando il posto al Test Hpv, un esame ancora poco noto e in grado di individuare in modo molto precoce la presenza del Papilloma Virus Humano. Gia’ realta’ in 6 regioni italiane del Centro Nord, l’utilizzo del Test Hpv dovrebbe andare a regime entro il 2020 a livello nazionale, mentre il Pap Test resta consigliato in seconda battuta, per approfondire eventuali casi di positivita’. L’Hpv o papilloma virus è molto diffuso nella popolazione, si trasmette per via sessuale e la maggior parte delle persone ne è portatrice senza saperlo. Alcuni tipi di HPV possono portare all’insorgenza del tumore del collo dell’utero e il nuovo test e’ in grado di individuarne la presenza prima ancora che si presentino modificazioni visibili al Pap test. Ma si effettua nello stesso modo di quest’ultimo, ovvero tramite prelievo di un campione di cellule dalla cervice uterina. Secondo il Piano Nazionale Prevenzione 2014-18 del Ministero della Salute, entro il 2018 tutte le regioni avrebbero dovuto prevedere il Test Hpv come screening primario per donne tra 30 e 64 anni. Ma secondo i dati dell’Osservatorio Nazionale Screening (ONS), a fine 2017 lo avevano fatto solo Emilia Romagna, Piemonte, Veneto, Toscana, Umbria e Basilicata. “Sono a buon punto – spiega Marco Zappa, presidente dell’Ons – Abruzzo, Valle d’Aosta, Campania, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise e Trento. Hanno appena iniziato il percorso Sicilia e Calabria, mentre non sono partite Friuli, Marche, Puglia, Sardegna e Bolzano”. E aggiunge: “Entro il 2020 l’Italia dovrebbe essere a regime. Siamo tra i Paesi piu’ avanti al mondo, e, tra quelli europei, solo l’Olanda e’ al nostro livello”. Questo non significa che il Pap test debba andare in pensione. “E’ invece l’esame successivo, che viene fatto qualora si riscontri una positività al Test Hpv”, precisa Basilio Passamonti, presidente del Gruppo Italiano Screening del Cervicocarcinoma (Gisci). In Italia, spiega, “i due test sono integrati e rappresentano il massimo di garanzia possibile: l’HPV Test, che e’ piu’ sensibile, individua le donne con infezione in corso (che puo’ anche risolversi da sola), mentre il Pap test, che e’ piu’ specifico, in uno step successivo individua l’eventuale lesione dovuta alla modificazione cellulare causata dal virus e che puo’ spianare la strada al cancro al collo dell’utero”. A confermare la validita’ dell’approccio italiano è una nuova revisione di otto studi clinici e quattro studi di coorte. Condotta da ricercatori dell’Universita’ della California a Davis, ha rilevato che, mentre i Pap test sono ancora molto efficaci per rilevare le cellule precancerose, il test HPV e’ un eccellente strumento di screening. I risultati, pubblicati sul Journal of American Medical Association (Jama), sono stati utilizzati dalla Task Force dei Servizi Preventivi degli Stati Uniti, per aggiornare le raccomandazioni sullo screening del cancro cervicale.