“Ti faccio abortire negra di m….”, donna incinta picchiata e rapinata

26

Roma, 17 ago. (AdnKronos) – Una donna di colore, incinta al sesto mese di gravidanza, rapinata sull’autobus, insultata e spintonata: è accaduto a Rimini e due giovani, un ragazzo e una ragazza, sono stati arrestati per rapina dalla polizia. Un equipaggio delle volanti è intervenuto in via Principe Amedeo, all’altezza di una fermata della linea 11, dove era stata segnalata una lite tra più persone.

Arrivati sul posto, i poliziotti hanno trovato la donna incinta e due ragazzi, una 19enne e un 22enne. La donna incinta ha riferito agli agenti di essere stata aggredita dai due ragazzi, che l’avevano derubata del cellulare mentre si trovava sull’autobus di linea 11. La donna ha raccontato di essersi accorta, mentre stava viaggiando sul bus per andare al lavoro, che qualcuno gli stava prendendo il telefono dalla borsa. “Dammi il mio telefono”, avrebbe urlato la donna al giovane, che ha buttato il telefono e iniziato a insultarla: “Negri di m…. ritornate al vostro paese”. Non solo. Il giovane, come ricostruito dalla vittima, l’ha presa a calci e pugni mentre la ragazza al fianco dell’aggressore inveiva: “Ti faccio abortire negra di m….”.

Quando l’autobus si è fermato per far scendere alcuni passeggeri alla fermata di linea, i due ragazzi hanno spinto la donna facendola cadere a terra. La vittima ha indicato agli agenti i due ragazzi presenti sul posto, che hanno continuato ad insultarla anche di fronte ai poliziotti prima che la donna, colta da malore, venisse trasportata al pronto soccorso.

Acquisite le dichiarazioni ed effettuati gli accertamenti, la coppia è stata condotta negli uffici della Questura dove i due giovani sono stati arrestati.