Ticket regionale, pronto il piano per l’abolizione

133

“Il 2018 avrà un valore straordinario per la Sanità in Campania. Elimineremo il ticket regionale sulla sanità. Noi, infatti, abbiamo due ticket: il nazionale e il regionale, perché siamo commissariati. Toglieremo quest’ultimo, per dare un aiuto alle famiglie sotto i 26mila euro di reddito. Praticamente quasi tutte. Faremo il decreto sul piano ospedaliero nei primi 15 giorni di gennaio”. Lo dice il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, intervenuto a LiraTv. “L’altra novità – aggiunge – è che chiederemo 4 mila assunzioni nella Sanità. Faremo i concorsi riservando una quota per la stabilizzazione dei precari. Già stabilizzati in mille, ne mancano altri 1.700”. “Stiamo chiudendo – prosegue – anche le intese con il comparto privato accreditato: cliniche, laboratori e riabilitazioni. Cominciando dalle cliniche private accreditate. La prossima settimana faremo il decreto per consentire alle Asl di fare i contratti biennali con le cliniche”. “Abbiamo strappato poi – conclude – 170 milioni per l’edilizia sanitaria e firmeremo l’accordo tra l’8 e il 15 gennaio. A febbraio partirà il Pronto Soccorso del Cto e l’Ospedale del Mare. Fatta la conferenza dei servizi per il nuovo Ruggi D’Aragona. La sfida del 2018 sarà la riduzione di liste attesa, dei tempi di pagamento come regione e Asl. Già oggi siamo a 34 giorni per i pagamenti correnti. Dobbiamo abituarci a pagare i crediti come gli stipendi, ogni 27 del mese si pagano fornitori e prestatori di servizi. Non si dovrà più ricordare il calvario di chi doveva aspettare anni e lisciare il pelo a qualche dirigente per fare andare avanti la pratica. Tutto deve essere automatico”.