Torna a Napoli il Maggio dei monumenti, tra mostre e passeggiate: 150 itinerari per riscoprire la città

109

Riscoprire la bellezza di Napoli, della sua arte, dei suoi angoli nascosti è l’obiettivo della XXVII edizione del Maggio dei Monumenti che prende il via domani e i cui appuntamenti si svolgeranno prevalentemente nei fine settimana. Un’edizione che torna ‘in presenza’ e non in streaming come accadde lo scorso anno a causa della pandemia da covid-19. Il programma è ricco di appuntamenti che si svolgeranno prevalentemente all’aperto e nel rispetto di tutte le norme per prevenire la diffusione del contagio. “Siamo ottimisti – ha detto l’assessore alla Cultura, Annamaria Palmieri – che con senso di responsabilità i cittadini non vogliano riperdere quella libertà che hanno ardentemente desiderato e riconquistato. Ci dicono che i luoghi all’aperto in questo momento sono più sicuri e che andremo verso nuove aperture e passeggiare forse è una delle attività più sane”. Un Maggio dunque “rivisitato” che si vuole aprire alla bellezza come recita lo slogan scelto, ”Gettasti i lenzuoli, apristi le finestre ci riempimmo di stelle’, tratto dai versi del poeta greco Ghiannis Ritsos, e la cui realizzazione per l’amministrazione è stata ”una scommessa”. ”Due settimane fa non eravamo sicuri si potesse dare il via ma ci abbiamo creduto e con noi tante associazioni, istituzioni culturali e tutto quel mondo dello spettacolo e della cultura che è duramente provatò’. Il verbo imperante di questo Maggio è ”passeggiare”: 150 gli itinerari proposti tra quelli più classici e quelli innovativi per accompagnare i visitatori in un vero trekking urbano alla scoperta della città. Ma anche mostre tra cui spiccano quella dedicata a Frida Kahlo che si inaugura al Pan il 3 maggio e ‘Troisi Poeta Massimo’ dal 7 maggio a Castel dell’Ovo dedicata all’indimenticato attore di San Giorgio a Cremano. A queste si aggiungono le esposizioni allestite alla Cappella Palatina del Maschio Angioino e nel complesso di San Domenico Maggiore che accoglierà anche reading e presentazione di libri. Tra gli eventi speciali lo svelamento, il 19 maggio, del dipinto restaurato di Porta San Gennaro a cui seguiranno, nei weekend, visite guidate con un itinerario che parte dalla chiesa di Santa Maria alla Sanità, lungo le Catacombe di San Gaudioso, idealmente collegate a quelle di San Gennaro, per poi attraversare il Borgo dei Vergini e giungere a Porta San Gennaro. Sul fronte degli spettacoli teatrali sulle terrazze di Castel dell’Ovo si potrà assistere alle performance delle compagnie sostenute con il progetto Hearth Ecosystem of Art and Theatre, sostenuto dall’assessorato alla Cultura e ideato dai Teatri Associati di Napoli e Interno 5. Come accade ormai da diversi anni il design grafico del Maggio è stato realizzato dagli allievi del corso di Design della comunicazione dell’Accademia di Belle Arti di Napoli.