Torna dal 14 al 22 dicembre il Festival Internazionale del 700 musicale napoletano

26

Torna il Festival Internazionale del 700 musicale napoletano, 19 esima edizione, dal 14 al 22 dicembre alla Domus Ars in via Santa Chiara, 10 a Napoli. La kermesse che celebra la grandezza della musica del Settecento partenopeo si apre alla città: 7 concerti, 4 convegni, si uniscono a percorsi guidati nei luoghi della musica e 3 workshop al Liceo Musicale Margherita di Savoia di Napoli a cura di Luca Signorini, primo violoncello del Teatro San Carlo di Napoli, Gabriella Colecchia mezzosoprano e Bruno Persico, pianista jazz. Il festival è promosso dall’associazione Domenico Scarlatti con la direzione organizzativa del Canto di Virgilio e patrocinato dalla presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Commissione Europea Ufficio per l’Italia, Regione Campania, Comune di Napoli Assessorato alla cultura e turismo. “I quattro antichi conservatori di Napoli” è il tema di questa edizione che ospiterà anche esposizioni di aziende di eccellenze Campane: la “Valtrend Editore” – Napoli Valorizzazione e Tutela delle Risorse Endogene, la Liuteria napoletana “Anima e Cordè e “Le terre di Malù” l’azienda di agricoltura biologica. Ad inaugurare il festival, il 12 dicembre, ore 17,30, presentazione della monografia sui quattro conservatori cittadini; venerdì 14 dicembre alle 21,00 concerto di ‘Leonardo Leo Jazz Project’ con Luca Signorini e Bruno Persico. Musiche di Leonardo Leo. “Le novità di questa diciannovesima edizione sono tante – spiega Enzo Amato, direttore artistico del Festival – Non solo concerti ma anche convegni, workshop, visite guidate ed esposizioni di eccellenze campane per conoscere ed amare la straordinaria musica del ‘700 napoletano”.