Torna l’Arcobaleno Napoletano: lo spettacolo si mobilita per la ricerca. Sabato 11 premiazione al Sannazzaro

109
in foto Anna Capasso

di Maridì Vicedomini

E? stata presentata ieri mattina al Caffè Gambrinus di Napoli la X edizione de “L’Arcobaleno Napoletano” un progetto nato da un’idea di Anna Capasso, cantante e attrice dedicato alla memoria di Ileana Bagnaro, scomparsa prematuramente per un male incurabile. “Sono molto felice di presentare questa nuova edizione de “L’Arcobaleno napoletano dopo una pausa forzata dovuta al buio della pandemia – ha detto la cantante attrice Anna Capasso, protagonista dell’incontro con la stampa al Gambrinus -; il progetto vanta la direzione artistica del giornalista Diego Paura ed è organizzato fin dalla prima stagione in partnership ed a sostegno della Fondazione Melanoma Onlus diretta dal professore Paolo Ascierto, oncologo e medico ricercatore dell’Istituto dei Tumori Pascale di Napoli. Dal 2017, la manifestazione si avvale del patrocinio morale del Comune di Napoli. Tra le novità di quest’anno – ha proseguito la Capasso – è da segnalare la presenza del noto attore Patrizio Rispo sul palcoscenico del Teatro Sannazzaro che condurrà con me la cerimonia di premiazione prevista per sabato sera 11 dicembre a partire dalle ore 20. Non mancheranno le “incursioni” dalla sala dello storico amico del Premio Enzo Calabrese, coadiuvato da Mario Pelliccia”.
Nel corso della kermesse, focalizzata sulla prevenzione al cancro, saranno consegnati riconoscimenti ad esponenti del mondo delle Istituzioni, della Cultura, dello Sport, della Società Civile, dell’Imprenditoria, che si sono maggiormente contraddistinti anche oltre i confini regionali.
In particolare, saranno premiati: per le Istituzioni, Federico Cafiero De Raho, per Teatro e Tradizione, Lucio Mirra; per lo Sport Imma Cerasuolo; per il Cinema, Nando Paone; per la TV, Gennaro Silvestro; per la Cultura, Mario Esposito, per l’imprenditoria a “Kremoso”; inoltre saranno consegnati Premi alla Memoria di Diego Armando Maradona, Silvia Ruotolo, Cetty Sommella, mentre una Premio alla carriera sarà riconosciuto a Lina Sastri e ad Alessandro Siani verrà assegnato un Premio Speciale. “L’Arcobaleno Napoletano – ha detto Paolo Ascierto – è un’iniziativa nata da un’idea di Anna Capasso, cantante ed attrice che mira alla raccolta fondi per la ricerca scientifica per la Fondazione Melanoma. Noi della Fondazione siamo molto grati ad Anna Capasso ed a Diego Paura perché la ricerca è fondamentale per sconfiggere il melanoma. Grazie alla ricerca, abbiamo fatto passi da gigante negli ultimi 10 anni, abbiamo guarito il 50 % di pazienti con metastasi, anche se dobbiamo guardare all’altro 50 % che non ce la fa. Vogliamo poter in futuro dire che tutti i pazienti guariscono! La ricerca richiede investimenti e dalla ricerca oncologica sono venute fuori anche soluzioni per combattere il Covid. Mi auguro che sabato 11 si svolga ancora una volta un evento di successo e ringrazio ancora tutti per la sensibilità che avete dimostrato e che dimostrerete”.