Tra vigne millenarie (e pettinate)

73

Ischia sorprende, Ischia è una e mille isole. L’hanno potuto constatare ancora una volta i soci del Garden Club capitanati dalla vulcanica Nunzia Sena affiancata da Maria Mazzella e Maria Assunta Sanchez Calise che domenica scorsa hanno raggiunto, non senza difficoltà la Vigna dei Mille Anni di proprietà dell’avvocato Benedetto Migliaccio, attualmente anche sindaco di Vico Equense. Appuntamento sulla terrazza belvedere di Serrara, ma per raggiungere i 15 ettari di terrazzamenti in località Jesca, a 400 metri d’altezza, a strapiombo sui Maronti e Sant’Angelo, Cavascura e i Tre Pizzi, i 40 convenuti sono stati trasferiti con jeep, quattroruote motrici e un quod. Straordinario lo spettacolo del vigneto “pettinato”, curatissimo, che sarà vendemmiato domani domenica 13 settembre e che rappresenta un esperimento unico per l’isola. Antichissima la storia di questa parte di Ischia, una storia anche familiare che l’avvocato, discendente di Alfonso d’Aragona, racconta arricchendola con leggende e aneddoti. Il primo insediamento della Magna Grecia fu proprio a Punta Chiarito dove i coloni di Eubea piantarono le prime viti che, invece di lasciare crescere sul terreno come liane, furono innalzate su pali d’argento. E queste viti, ora, a distanza di duemila anni, sono state riprese grazie al lavoro delle Cantine di Casa D’Ambra. Bere per sapere!