Trading online: aumentano gli investimenti nelle criptovalute

214

Per il mondo delle criptovalute il 2021 si è aperto in modo positivo. Dopo un movimento fortemente rialzista, Bitcoin ed Ethereum hanno raggiunto livelli di prezzo molto importanti, segnati da una successiva fase di calo attualmente al centro dello studio degli analisti. Un trend che sembra aver consolidato l’interesse degli investitori in questa forma di investimento, che oggi continua a essere una delle più gettonate per chi fa trading online. Allo stato attuale, l’attenzione dei risparmiatori è rivolta sia alle criptovalute più importanti, sia a quelle meno scambiate, tutte monitorate costantemente in attesa di nuovi movimenti.

E in previsione di nuovi impulsi, che dopo una fase ribassista di assestamento potrebbero spingere questi asset a un nuovo uptrend, gli investimenti in criptovalute sono in costante aumento. Un trend influenzato non solo dalle recenti performance del Bitcoin, ma anche dall’attuale emergenza sanitaria, in seguito alla quale molti individui hanno sentito la necessità di reinventarsi e puntare su un settore sempre in movimento.

Tuttavia, nell’analisi di questo processo, non si può ignorare il fattore che più di tutti ha fatto da catalizzatore: la presenza di numerosi broker online. Rispetto al passato, quando per investire un risparmiatore era solito interfacciarsi con un addetto ai lavori – nella maggior parte dei casi appartenente al sistema bancario – oggi l’iter è sensibilmente cambiato. A fare da tramite fra l’investitore e il mercato sono i numerosi intermediari sul web, che facilitano l’accesso alle borse semplificando le attività di trading.

Trading e criptovalute: l’importanza dei CFD

L’adesione a un broker online oggi permette di fare trading in criptovalute tramite l’utilizzo di CFD. Questi strumenti, replicando l’andamento di mercato dei sottostanti, danno accesso a investimenti a costi molto contenuti, offrendo anche a quei risparmiatori in possesso di un piccolo capitale la possibilità di operare sulle singole oscillazioni dei prezzi.

L’aumento degli investimenti sulle criptovalute, tuttavia, attualmente è sostenuto anche dal fatto che gli intermediari, nella stragrande maggioranza dei casi, non addebitano al trader alcun costo di commissione. Un approccio che riduce fortemente le spese relative all’investimento, le quali in genere, in questo tipo di operatività, vengono calcolate come spread su ogni eseguito.

In ogni caso, ad incentivare l’accesso a questi strumenti finanziari è la presenza di piattaforme di trading gratuite e user friendly. La piattaforma, nello specifico, rappresenta l’interfaccia che permette all’utente di visualizzare l’andamento dei prezzi e inserire gli ordini di acquisto o di vendita sul mercato. I tool possono apparire molto simili, ma in base al broker variano significativamente: a fare la differenza è soprattutto la possibilità di usufruire di strumenti personalizzabili, che possono semplificare sensibilmente la cosiddetta fase operativa.

Criptovalute: la scelta del broker
Le previsioni sui mercati sembrano preannunciare che nelle prossime settimane nuovi investitori, in vista dei recenti movimenti del Bitcoin potrebbero orientare il loro interesse nei confronti di altre criptomonete, attratti soprattutto dalla volatilità che accompagna questi particolari strumenti finanziari. La scelta del broker, in questo caso, si rivelerà del tutto fondamentale, dal momento che alcuni intermediari, rispetto ad altri, possono offrire un’esperienza più completa di trading sulle criptovalute.

L’investitore sul punto di scegliere un broker online per la propria attività di trading, dovrà quindi porre l’attenzione su una serie di caratteristiche. Tra queste, merita un focus particolare l’opzione relativa alla leva finanziaria, tenendo conto che nel mercato delle criptovalute, a causa di una volatilità di per sé già molto elevata, non è necessario operare con leve spropositate.

Bisogna poi porre l’attenzione agli asset proposti, ad esempio sulle alternative ai classici Bitcoin, Ethereum e Ripple, e valutare se sia possibile accedere in ogni momento a un’operatività simulata. In tema di trading online, resta infatti fondamentale sottoporsi a una fase di rodaggio operativa avvalendosi, ove possibile, di conti demo gratuiti. Tuttavia, è altrettanto importante sottoporsi a un periodo di formazione e osservazione, in modo da imparare a valutare i movimenti del mercato in perfetta autonomia.