Tramontano e Stazione Sperimentale Pelli, intesa per made in Italy sostenibile

70
In foto una borsa in pelle da uomo firmata Tramontano

di Paola Ciaramella

Intesa tra la Stazione Sperimentale per l’Industria delle Pelli e delle materie concianti (Ssip), organismo di ricerca nazionale delle Camere di Commercio di Napoli, Pisa e Vicenza presieduto da Graziano Balducci, e il fashion brand Tramontano, storica azienda napoletana che da oltre un secolo e mezzo disegna e produce borse, valigie e accessori in cuoio e pellami pregiati. L’Accordo Quadro è stato siglato pochi giorni fa dal direttore generale della Ssip, Edoardo Imperiale, e dall’imprenditore Paolo Scudieri: l’obiettivo è unire la storia e la tradizione che caratterizzano le due realtà – il celebre marchio è nato nel 1865, la Stazione Pelli è stata istituita vent’anni dopo – con l’innovazione e la sostenibilità, esaltando il made in Italy e il design italiano nel mondo. Entrambe le realtà hanno la base nella città partenopea, ma con una proiezione internazionale nei rispettivi campi di azione; in particolare, Tramontano realizza le sue borse esclusivamente nei laboratori di Napoli – secondo le tecniche della migliore tradizione artigianale locale, con una costante ricerca della qualità, l’impiego di pelli e dettagli esclusivi e una pregiata lavorazione del cuoio –, mentre la distribuzione avviene attraverso punti di vendita dell’azienda e corner nei più prestigiosi department e specialty stores del mondo. L’intesa con la Ssip permetterà di sviluppare attività di ricerca sperimentale congiunte e di realizzare corsi di alta formazione e attività didattiche, favorendo una più ampia diffusione di innovazione di prodotto e di processo nella filiera moda. Tra le finalità dell’accordo ci sono, ancora, una maggiore diffusione della cultura tecnica e scientifica del cuoio, con riferimento alle relative destinazioni d’uso, e la gestione congiunta delle opportunità e delle criticità connesse all’utilizzo del cuoio nel settore moda/lusso, con particolare riferimento ad attività di studio e ricerca sul riutilizzo della pelle di sfrido.