Trapianti: Napoli, protesta in piazza

56

(ANSA) – NAPOLI, 22 MAR – In piazza per protestare contro ”l’opera di smantellamento sistematico dell’attività dei trapianti pediatrici a Napoli e in Campania” e per ricordare ”le piccole vittime innocenti di un sistema colpevole di indifferenza”. Il ‘Comitato genitori dei trapiantati di cuore e trapiantati adulti’ annuncia così la manifestazione di giovedì prossimo, 24 marzo, alle 9, all’esterno dell’ospedale Monaldi a Napoli. ”Il Monaldi – spiega Dafne Palmieri, portavoce del Comitato – è l’unico centro di riferimento per il Centro-Sud per i bambini trapiantati di cuore. Ma un po’ alla volta si sta determinando – senza annunci formali, nel silenzio più assordante – la chiusura di ogni possibilità di intervento e cura per i più piccoli, nell’intero sistema sanitario regionale a partire da Napoli. ”Nel novembre scorso lanciammo un appello al presidente della Giunta, De Luca, e ai consiglieri regionali per un’assistenza di qualità ai trapiantati di cuore ed alle persone in lista di attesa’: nulla, nessuna risposta”.
   

(ANSA) – NAPOLI, 22 MAR – In piazza per protestare contro ”l’opera di smantellamento sistematico dell’attività dei trapianti pediatrici a Napoli e in Campania” e per ricordare ”le piccole vittime innocenti di un sistema colpevole di indifferenza”. Il ‘Comitato genitori dei trapiantati di cuore e trapiantati adulti’ annuncia così la manifestazione di giovedì prossimo, 24 marzo, alle 9, all’esterno dell’ospedale Monaldi a Napoli. ”Il Monaldi – spiega Dafne Palmieri, portavoce del Comitato – è l’unico centro di riferimento per il Centro-Sud per i bambini trapiantati di cuore. Ma un po’ alla volta si sta determinando – senza annunci formali, nel silenzio più assordante – la chiusura di ogni possibilità di intervento e cura per i più piccoli, nell’intero sistema sanitario regionale a partire da Napoli. ”Nel novembre scorso lanciammo un appello al presidente della Giunta, De Luca, e ai consiglieri regionali per un’assistenza di qualità ai trapiantati di cuore ed alle persone in lista di attesa’: nulla, nessuna risposta”.