Trasformano le barche in B&B abusivi: intervengono le Fiamme gialle

33

Quattro imbarcazioni ormeggiate da tempo tra Sacca Fisola e la Giudecca e un via vai continuo di turisti: il sospetto e’ che dietro l’offerta di una esperienza unica, quella di dormire nelle cuccette di un natante e risvegliarsi in laguna, a pochi passi da San marco, nasconda dei B&B illegali. Nonostante le numerose multe gia’ prese, scrive il Gazzettino, le quattro imbarcazioni continuano ad operare come una vera e propria struttura turistica. Una di queste e’ addirittura priva di motore, a tradire la sua vocazione all’ospitalita’. Sulla questione ora vogliono vederci chiaro i Vigili urbani e la Guardia di finanza che dopo il giro di vite agli affitti di appartamenti si stanno concentrando su tutte le strutture ricettive ritenute non in regola. Le fiamme gialle, in particolare, stanno procedendo con un accertamento amministrativo per capire se quelle decine di cuccette messe ogni giorno a disposizione dei turisti abbiano le necessarie autorizzazioni. Ogni settimana ormai le forze dell’ordine individuano decine di strutture ricettive abusive, quasi tutti Bed&Breakfast. In alcuni casi la tassa di soggiorno raccolta dai proprietari delle abitazioni viene incamerata ma non versata al Comune. Per stanare i furbetti la Guardia di finanza sta utilizzando un software, chiamato Dogale, che, confrontando i dati, dovrebbe consentire di fare luce sulle locazioni turistiche illegali. Per suffragare i sospetti, le forze dell’ordine provvedono anche consegnando ai turisti che stanno per lasciare la citta’ via terra o co il treno un questionario sulla struttura che li ha ospitati. Una ricerca che sta dando i primi frutti: il 70% delle strutture controllate nei primi mesi dell’anno sono fuori norma per qualche aspetto.