Trasporto pubblico locale, alla Campania l’11% dei fondi nazionali

51


Diventa operativo, con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, il decreto del presidente del Consiglio dei ministri del 26 maggio scorso contenente criteri e modalità con cui ripartire il Fondo nazionale per il concorso dello Stato agli oneri del trasporto pubblico locale, anche ferroviario, nelle Regioni a statuto ordinario.

Obiettivi
I criteri di ripartizione del Fondo nazionale sono finalizzati ad incentivare le Regioni e gli enti locali a razionalizzare ed efficientare la programmazione e la gestione dei servizi relativi al trasporto pubblico locale, anche ferroviario, mediante un’offerta di servizio più idonea, più efficiente ed economica per il soddisfacimento della domanda di trasporto pubblico; il progressivo incremento del rapporto tra ricavi da traffico e costi operativi; la progressiva riduzione dei servizi offerti in eccesso in relazione alla domanda ed il corrispondente incremento qualitativo e quantitativo dei servizi a domanda elevata; la definizione di livelli occupazionali appropriati; la previsione di idonei strumenti di monitoraggio e di verifica.

La ripartizione
La ripartizione delle risorse è effettuata per il 90 per cento sulla base di percentuali definite: Abruzzo, 2,69 per cento;  Basilicata, 1,55 per cento; Calabria, 4,28 per cento; Campania, 11,07  per cento ; Emilia-Romagna, 7,38 per cento; Lazio, 11,67 per cento; Liguria, 4,08 per cento ; Lombardia: 17,36 per cento; Marche, 2,17 per cento; Molise, 0,71 per cento; Piemonte, 9,83 per cento; Puglia, 8,09 per cento; Toscana, 8,83 per cento; Umbria, 2,03 per cento; Veneto, 8,27 per cento. La restante quota del 10% è attribuita a ciascuna Regione prendendo a riferimento tali percentuali. Qualora la Regione raggiunga tutti gli obiettivi, tale quota è assegnata integralmente.
Nel caso in cui gli obiettivi siano raggiunti parzialmente, alla Regione è assegnata parte della quota in base a queste percentuali: 30% per un’offerta di servizio più idonea, più efficiente ed economica;60% per il progressivo incremento del rapporto tra ricavi da traffico e costi operativi; 10% per la definizione di livelli occupazionali appropriati.

SCARICA IL DECRETO
http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario;jsessionid=T2TU8XEf2CN75EX-08TcwA__.ntc-as3-guri2a?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2017-06-30&atto.codiceRedazionale=17A04339&elenco30giorni=false