Tre fermati per l’omicidio di Desirée: 12 ore di agonia e abusi

7

Roma, 25 ott. (AdnKronos) – E’ rimasta in stato di incoscienza per 12 ore prima di morire , la sedicenne trovata morta la notte tra giovedì e venerdì scorsi nello stabile abbandonato di via dei Lucani a Roma. La sindaca Virginia Raggi, secondo quanto si apprende, proclamerà il lutto cittadino nei giorni del funerale di Desirée. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori della squadra mobile di Roma, alla ragazza sarebbe stata somministrata droga il 18 pomeriggio fino a ridurla in stato di incoscienza. E mentre era in stato di incoscienza sarebbe stata vittima di abusi e violenze.

LA SVOLTA – La svolta nelle indagini sull’omicidio della giovane è arrivata nella notte, quando la polizia ha eseguito due fermi. In mattinata è stato poi rintracciato, interrogato in Questura e quindi messo in stato di fermo anche un terzo uomo. I fermati sono accusati di violenza sessuale di gruppo, cessione di stupefacenti e omicidio volontario. Hanno tutti precedenti di polizia per spaccio. Per l’omicidio si cerca ancora un quarto uomo. Il capo della Squadra Mobile di Roma Luigi Silipo ha detto, parlando dopo i primi due fermi, che nei loro confronti ci sono “gravi indizi di reità”.

“ABUSATA IN STATO DI INCOSCIENZA” – I fermati, secondo quanto hanno accertato gli investigatori, avrebbero “somministrato sostanze stupefacenti alla minore in modo da ridurla in stato di incoscienza” e ne avrebbero “abusato sessualmente, così cagionandone la morte avvenuta nella notte del 19 ottobre”.

“SI PROSTITUIVA PER DROGA” – Secondo le prime ricostruzioni, probabilmente Desirée conosceva i suoi aguzzini. Dall’inchiesta emerge che la 16enne era già stata nello stabile abbandonato di via dei Lucani, dove si era recata più volte nelle ultime due settimane e dove si sarebbe prostituita per ottenere droga.

I FERMATI – I fermati sono due senegalesi, rispettivamente di 27 e 43 anni, e un nigeriano di 46 anni. Tutti e tre risultano essere irregolari sul territorio italiano. Il 27enne, a quanto si apprende da fonti investigative, aveva un permesso di soggiorno per richiesta d’asilo scaduto ed era stato espulso un anno fa, ma si era reso irreperibile. Era stato rintracciato lo scorso luglio di quest’anno ed era stato richiesto il nulla osta dell’autorità giudiziaria per reati pendenti a suo carico. Anche il nigeriano risulta titolare di permesso di soggiorno per motivi umanitari scaduto. Secondo quanto si apprende da fonti investigative, per la banca dati del comune di Roma è irreperibile.

LE REAZIONI – A commentare la svolta nelle indagini è stato il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che in tweet ha ringraziato le forze dell’ordine prima di puntare il dito verso i responsabili: “Farò di tutto perché i vermi colpevoli di questo orrore paghino fino in fondo, senza sconti, la loro infamia” ha scritto Salvini.

Anche il premier Giuseppe Conte ha voluto esprimere la propria vicinanza alla famiglia di Desirée: “Sono vicino ai genitori per questa tragedia. Sono padre anche io, non posso immaginare cosa si possa provare a perdere un figlio in questo modo. Sono veramente vicino, un partecipe e commosso pensiero va ai familiari in questo momento”.

FIACCOLATA PER DESIREE – Questa sera alle ore 19, in Via dei Lucani, partirà la fiaccolata organizzata dai residenti di San Lorenzo in memoria di Desirée. “Ci ritroveremo in via dei Lucani, ognuno con una candela, per testimoniare la nostra vicinanza alla famiglia di Desirée, la giovane ragazza che ha perso la Vita nel nostro quartiere – scrivono i membri del Comitato di Quartiere San Lorenzo -. Saremo tutti uniti in un’unica voce di dolore, che ha coeso una comunità che non è e non sarà mai indifferente”.