Tre metri sotto il suolo: il Cilento mette in mostra la vita della terra

54

Tre metri sotto il suolo, la terra brulica di vita, migliaia di specie che hanno un ruolo fondamentale nella catena del cibo e nel flusso energetico tra atmosfera, acque sotterranee e vegetazione. Un mondo ora visibile grazie al primo museo in Italia sul suolo, 1.500 metri di esposizione nelncuore del parco nazionale del Cilento, a Pertosa, inseriti anche in percorsi naturalistici nei musei integrati con l’ambiente gestiti dalla Fondazione MidA. La struttura, nata con finanziamenti della Regione Campania su risorse Fesr del Por 2007-2013, ha anche il patrocinio morale e la collaborazione della Commissione Europea, e ha come ideatore l’architetto e urbanista Fabrizio Mangoni, docente dell’ateneo Federico II di Napoli.

Il percorso espositivo è aperto da un grande formicaio, dove formiche tagliafoglie tagliano foglie, trasportano i pezzi al loro nido, coltivano il fungo di cui si nutrono e gestiscono i rifiuti della loro citta’. Una attivita’ che il plexiglass permette di vedere dal vivo. Nelle altre sale, cassetti da aprire per scoprire materali e colori del suolo; ‘scatole della terra’, istallazioni multimediali immersive per entrare nel suolo; campionari di materiali organici e minerali da manipolare; laboratori per osservare i lombrichi o fare il compost, con tavoli touch screen; una serra climatizzata dove crescono le radici nel suolo visibili attraverso vetri trasparenti; un viaggio virtuale in 3D nei ‘pori’ del suolo; collezioni di piante e semi. Collegati al museo, il museo speleo-archeologico e il complesso delle grotte di Pertosa-Auletta. “Questa struttura – dicono Francescoantonio D’Orilia e Mariana Amato, presidente e direttore scientifico della Fondazione – e’ la realizzazione di un progetto e il suo obiettivo e’ svelare le molte dimensioni di un sistema che sostiene la vita del pianeta“. Tra i pochi in Europa e al mondo, il museo apre il 22 aprile. “Abbiamo lavorato per restituire unitarieta’ alla conoscenza, superando la separatezza dei saperi“, sottolinea Mangoni.