Tripoli addio, nel 2014 giù l’interscambio

54

L’escalation della crisi in Libia sta pesantemente condizionando l’andamento dell’interscambio commerciale con in nostro Paese. Lo rileva la Confartigianato, secondo la quale nell’ultimo trimestre disponibile, settembre-novembre L’escalation della crisi in Libia sta pesantemente condizionando l’andamento dell’interscambio commerciale con in nostro Paese. Lo rileva la Confartigianato, secondo la quale nell’ultimo trimestre disponibile, settembre-novembre 2014, il made in Italy verso la Libia è crollato del 35,1 per cento. Nei primi 9 mesi del 2014 la contrazione è stata del 29,3 per cento. “A essere colpite – dichiara Luigi Curto, Presidente di Confartigianato Imprese Veneto – sono soprattutto le piccole e medie imprese che sono parte attivissima nelle esportazioni anche verso la Libia. In un solo anno partono dalle nostre imprese beni e manufatti (non energetici) per oltre 146 milioni di euro, il 13,9% di tutte le esportazioni verso il Paese africano (le prime due regioni negli interscambi sono Lombardia e Veneto). Le esportazioni italiane hanno dovuto subire in media un calo del 29,3 per cento, con picchi del 30.6 per cento in Lombardia e del 37,2 per cento in Emilia Romagna. Oltre i due terzi delle esportazioni non energetiche verso la Libia provengono da cinque regioni italiane: Lombardia con il 23,3 per cento, Veneto con 13,9 per cento, Emilia-Romagna con 12, per cento, Toscana con 9,5 per cento e Campania con 9,4 per cento.