Trombetta (Federazione delle Associazioni della Campania negli Usa): Salviamo il Columbus Day

27
in foto Nicola Trombetta, presidente dalla Federazione delle Associazioni della Campania negli Usa

Gli italiani d’America si mobilitano contro quella che definiscono “una campagna denigratoria nei confronti della nostra etnia e del nostro Cristoforo Colombo”, una campagna che sulla scia dell’ondata anti razzista messa in moto dal caso Floyd (il nero ucciso dalla polizia) è arrivata a mettere in discussione perfino le origini della nazione americana. Nicola Trombetta, presidente Federazione delle Associazioni della Campania negli Usa, ha inviato un messaggio a tutti gli italoamericani affinché si mobilitino in difesa di quello che considerano un patrimonio comune degli italiane e degli americani. “Carissimi – scrive Trombetta -, è importantissimo che ci mettiamo in movimento per SALVARE il COLUMBUS DAY a New York e non far rimuovere la statua dal Columbus Circle”.”Sappiamo bene – prosegue il messaggio – di questa campagna denigratoria contro la nostra Etnia e contro Colombo. Se restiamo a guardare solo la televisione senza muoverci facciamo il gioco di Di Blasio e del suo Comitato. MUOVIAMOCI collegatevi qui e fate in modo di VOTARE NO! alla proposta di cambiare il Columbus Day! Accertatevi che anche i vostri Amici, Soci Conoscenti VOTANO per salvaguardare il nostro Retaggio, la nostra Storia e quella degli Stati Uniti d’America”. Intanto Angelo Vivolo, presidente della Columbus Foundation, invita la comunità italo-americana a non arrendersi. “Sono stato intervistato da Marsha Kramer di Cbs News (qui). Ho parlato molto ma hanno lasciato appena due frasi. Fortunatamente, c’erano le parole chiave che dobbiamo continuare a ripetere fino a quando la follia di abbattere le statue di Colombo non si ferma”.