Trony, petizione del comitato Valori Collinari contro la chiusura dello store al Vomero

84
In foto il negozio di Trony al Vomero

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinare, che, per primo, nei giorni scorsi aveva lanciato l’allerta sulla paventata chiusura a breve del punto vendita della Trony in via Luca Giordano al Vomero, con la perdita del posto di lavoro dei 41 dipendenti attualmente impegnati, in attesa di ulteriori iniziative a sostegno, tra le quali un sit-in che si svolgerà, nei prossimi giorni, in una data da concordare con gli stessi lavoratori, per sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica sulla grave situazione che si sta determinando, lancia una petizione online presente alla pagina internethttps://www.change.org/p/giuliano-poletti-napoli-salviamo-il-punto-vendita-trony-e-il-posto-di-lavoro-dei-41-dipendenti. “In verità – esordisce Capodanno -, sebbene la comunicazione ufficiale sia di questi giorni, la notizia della possibile chiusura dello store vomerese era già nell’aria da alcune settimane a questa parte. Si osservavano infatti alcuni preoccupanti segnali. Innanzitutto era sparita la vigilanza che abitualmente si trovava all’ingresso. Inoltre gli scaffali al piano terra, man mano che avvenivano le vendite, apparivano sempre più vuoti o riempiti con imballaggi di cartone invece che con i prodotti disimballati”. “La petizione da me lanciata – conclude Capodanno – è indirizzata al ministro del lavoro Poletti, al presidente della giunta regionale della Campania, De Luca e al sindaco di Napoli, De Magistris ma ci auguriamo che, oltre ai cittadini, accanto ai lavoratori si schierino i rappresentanti di tutte le istituzioni, dai parlamentari nazionali ai consiglieri della municipalità, passando per i consiglieri regionali e comunali. Inoltre, dal momento che con la chiusura di Trony rischia di sparire anche il reparto editoriale, ci auguriamo che scendano in campo anche gli intellettuali, lanciando un apposito manifesto, così come fatto in altre analoghe occasioni”.