Tumori, creata la mappa virtuale che mostra la “strada” verso le metastasi

251

Pronta la mappa virtuale che indica la “strada” che porta le cellule verso lo sviluppo di metastasi tumorali: l’hanno realizzata ricercatori italiani presso l’Universita’ Statale di Milano, grazie ad un modello matematico che ha permesso di simulare la “trasformazione” delle cellule che è alla base dell’80% dei tumori maligni. Il risultato, pubblicato sulla rivista dell’Accademia americana delle scienze (Pnas), aiuterà a superare l’ostacolo dell’eterogeneità dei tumori per sviluppare trattamenti sempre piu’ personalizzati. La maggior parte dei casi di tumore maligno deriva infatti dall’impazzimento delle cellule epiteliali che rivestono le superfici interne ed esterne degli organi: in alcuni casi, queste cellule possono perdere le proprie caratteristiche e trasformarsi in cellule mesenchimali, che sono meno legate fra di loro e possono muoversi con maggiore facilita’. “La transizione da cellule epiteliali a mesenchimali e’ un processo complesso, durante il quale le cellule passano attraverso diversi stati intermedi con caratteristiche comuni a entrambe le tipologie”, spiega Francesc Font-Clos, ricercatore del Centro della Complessita’ e i Biosistemi (CC&B) dell’Universita’ di Milano e autore principale dello studio. “Per esempio, possono avere sia un’alta mobilita’ sia buone proprieta’ adesive, il che consentirebbe loro di invadere con facilita’ altri tessuti e poi colonizzarli”. Per studiare meglio questi ‘ibridi’ spesso instabili, i ricercatori hanno usato un modello matematico che ha simulato la transizione in tutti i suoi stati intermedi. E’ cosi’ nata una mappa bidimensionale che rappresenta le varie transizioni cellulari come un paesaggio accidentato e irregolare, con caratteristiche simili a quelle dei frattali. La mappa consente inoltre di misurare l’attivita’ dei geni correlati a questi stati intermedi, facilitando l’analisi di grandi quantita’ di dati di sequenziamento genetico.