Turchia: esplosione nel centro di Ankara, almeno 32 morti e 75 feriti

32

Sono almeno 32 le persone rimaste uccise, e 75 quelle ferite, nell’attentato di Ankara. Lo rendono noto fonti della sicurezza turca, citate da media locali ed internazionali. 

L’esplosione, secondo le tv locali, è avvenuta quando un’autobomba si è fatta esplodere contro un bus, nei pressi di una fermata molto trafficata dove erano parcheggiati diversi altri mezzi, che hanno preso fuoco o sono stati danneggiati. L’attacco è avvenuto in una zona centralissima della capitale turca, tra il parco Guven e la piazza di Kizilay, a poca distanza anche da due fermate della metro.

Almeno un francese è stato ucciso nel “vile attentato” a Grand-Bassam, in Costa d’Avorio. Lo ha annunciato il presidente Francois Hollande, parlando di “una decina di civili” uccisi insieme con “diversi membri delle forze di sicurezza”. “La Francia assicura sostegno logistico e informazioni alla Costa d’Avorio per trovare gli aggressori – ha detto Hollande – continuerà e intensificherà la cooperazione con i suoi partner nella lotta al terrorismo”.

L’autorità radiotelevisiva turca ha imposto un divieto temporaneo di pubblicazione delle immagini relative all’esplosione di stasera nel centro di Ankara. Lo riferisce l’agenzia statale Anadolu. La misura è ricorrente in Turchia in caso di attacchi terroristici

“I terroristi devono sapere che per quanto sanguinoso sarà il loro odio non riusciranno a piegarci e scuoterci, ovunque essi colpiscano”. Così il presidente del consiglio Matteo Renzi commenta gli attentati ad Ankara e in Costa d’Avorio. “La risposta e la condanna della comunità internazionale sarà ferma, unanime, risoluta”, afferma in una nota.

   

Sono almeno 32 le persone rimaste uccise, e 75 quelle ferite, nell’attentato di Ankara. Lo rendono noto fonti della sicurezza turca, citate da media locali ed internazionali. 

L’esplosione, secondo le tv locali, è avvenuta quando un’autobomba si è fatta esplodere contro un bus, nei pressi di una fermata molto trafficata dove erano parcheggiati diversi altri mezzi, che hanno preso fuoco o sono stati danneggiati. L’attacco è avvenuto in una zona centralissima della capitale turca, tra il parco Guven e la piazza di Kizilay, a poca distanza anche da due fermate della metro.

Almeno un francese è stato ucciso nel “vile attentato” a Grand-Bassam, in Costa d’Avorio. Lo ha annunciato il presidente Francois Hollande, parlando di “una decina di civili” uccisi insieme con “diversi membri delle forze di sicurezza”. “La Francia assicura sostegno logistico e informazioni alla Costa d’Avorio per trovare gli aggressori – ha detto Hollande – continuerà e intensificherà la cooperazione con i suoi partner nella lotta al terrorismo”.

L’autorità radiotelevisiva turca ha imposto un divieto temporaneo di pubblicazione delle immagini relative all’esplosione di stasera nel centro di Ankara. Lo riferisce l’agenzia statale Anadolu. La misura è ricorrente in Turchia in caso di attacchi terroristici

“I terroristi devono sapere che per quanto sanguinoso sarà il loro odio non riusciranno a piegarci e scuoterci, ovunque essi colpiscano”. Così il presidente del consiglio Matteo Renzi commenta gli attentati ad Ankara e in Costa d’Avorio. “La risposta e la condanna della comunità internazionale sarà ferma, unanime, risoluta”, afferma in una nota.