Turismo, 7 milioni di italiani in viaggio per il Ponte di Ognissanti

33

Saranno circa 7 milioni e 24 mila gli italiani (tra maggiorenni e minorenni) in viaggio in occasione del ponte di Ognissanti. Il 90,7% restera’ in Italia, mentre l’8,1% andra’ all’estero. Chi resta in Italia si orientera’ in prevalenza sulle localita’ montane: il 29% prediligera’ i monti, il 25,3% si rechera’ in luoghi e citta’ d’arte, il 17,5% preferira’ il mare, un 5,9% andra’ alle terme ed un 3,6% dara’ preferenza ai laghi. E’ quanto emerge da un’indagine previsionale realizzata dalla Federazione con il supporto dell’istituto ACS Marketing Solutions per Federalberghi. Per coloro che sceglieranno mete estere, le grandi capitali europee saranno le piu’ ambite, con il 63% della domanda complessiva. Il 14,8% prediligera’ le localita’ di mare, il 7,4% le grandi capitali extra-europee, il 3,7% la montagna. La casa di parenti/amici sara’ la struttura prescelta dal 28,1% dei viaggiatori, seguita a stretto giro dal 24,5% di chi andra’ in albergo. La spesa media pro-capite, comprensiva di trasporto, alloggio, cibo e divertimenti, si attestera’ sui 279 euro (contro i 262 euro del 2016), con un giro di affari di circa 1,96 miliardi di euro, che fa segnare un incremento dell’8,3% rispetto allo scorso anno (1,81 miliardi di euro).
La durata media del soggiorno risulta stabile, con circa 3,2 notti trascorse fuori casa. Il 29,6% dei viaggiatori trascorrera’ fuori casa quattro notti o piu’. Da ricordare che quest’anno il 1° novembre cade di mercoledi’ (martedi’ nel 2016). Per cio’ che riguarda la modalita’ di scelta della vacanza, il 52,5% degli intervistati dichiara di utilizzare i social media e la rete per decidere o quantomeno informarsi sull’offerta nelle diverse localita’, sui prezzi e sulle strutture di interesse. Il 45,4% ha prenotato la propria vacanza rivolgendosi direttamente alla struttura ricettiva. Si tratta di un valore in netto aumento rispetto al 34,6% registrato in occasione del ponte di Ognissanti 2016. “Saranno piu’ di 7 milioni gli italiani in viaggio per la festivita’ del 1 novembre. Un dato positivo, che fa segnare una lieve crescita rispetto al corrispondente periodo del 2016, innestandosi sull’ottima performance realizzata durante la stagione estiva. Per consolidare questo trend sono necessari interventi e strategie mirate, a sostegno degli investimenti in uno dei pochi comparti che si distingue per la capacita’ di creare reddito e posti di lavoro”, commenta il presidente di Federalberghi, Bernabo’ Bocca.