Turismo balneare, oltre 3mila imprenditori firmano la petizione del Cna

28

Oltre 3mila imprenditori balneari hanno firmato la petizione promossa da Cna Balneatori, attraverso il sito www.cna.it, per “difendere il cuore del turismo italiano” e il “diritto di esistere” delle 30mila imprese che operano in questo settore. La petizione, presentata questa mattina a Roma in occasione della conferenza stampa sul tema delle imprese di balneazione organizzata dai senatori del Pd, Manuela Granaiola e Salvatore Tomaselli, contiene quattro richieste: una proroga consistente del termine di scadenza delle concessioni; la revisione della disciplina dei canoni demaniali e delle imposte connesse; la “massima determinazione” nel confronto fra il Governo italiano e la Commissione Europea per ottenere il riconoscimento della specificità italiana delle imprese di balneazione; la riforma del sistema per arrivare a gare ad evidenza pubblica per le nuove concessioni. Cna Balneatori ha anche inviato, nei giorni scorsi, una lettera/appello a tutti i comuni costieri invitandoli a trasmettere alla Presidenza del Consiglio i dati aggiornati sul Demanio marittimo, richiesti da oltre un anno, finora senza risultato. L’obiettivo è la costruzione, in tempi rapidi, di una nuova mappa finalizzata alla tutela delle zone costiere, che permetta di conoscere le aree già concesse, quelle ancora concedibili e quelle indisponibili a qualsiasi titolo. Su tutti questi temi il 15 febbraio Cna Balneatori incontrerà a Sanremo Marco Scajola, Assessore Regionale al Turismo in Liguria e Coordinatore Nazionale delle Regioni per il Demanio. Un incontro organizzato in vista di quello che si terrà due giorni dopo a Roma fra tutti gli assessori regionali. Prima del 17 febbraio è in agenda anche un incontro di Cna Balneatori con Giovanni Lolli, Coordinatore nazionale per il Turismo delle Regioni e Vice Presidente della Giunta regionale abruzzese.