Turismo, boom di arrivi stranieri ma la spesa si concentra al Nord 

39

Nel 2016 gli esercizi ricettivi italiani hanno registrato il massimo storico di arrivi con oltre 116,9 milioni di clienti italiani e stranieri e poco meno di 403 milioni di presenze. La crescita che si registra rispetto all’anno precedente e’ del 3,1% in termini di arrivi e del 2,6% in termini di presenze. E’ quanto viene sottolineato nel 13mo Rapporto annuale di Fedeculture, presentato oggi a Roma. Il documento precisa inoltre che anche nel 2017 prosegue questo trand positivo del turismo italiano dato che nei primi 7 mesi dell’anno gli arrivi registrati sono stati 70,5 milioni e le presenze 233,8 milioni, per un incremento nel primo caso del 4,1% e nel secondo del 4,7%. Andamento analogo nella prima parte del 2017 si riscontra per quanto riguarda la spesa dei turisti stranieri che visitano l’Italia: nei primi 6 mesi dell’anno ha raggiunto i 5 miliardi di euro, ossia il 5% in piu’ del primo semestre 2016. “Il turismo, dunque, galoppa, ma resta evidente il fatto che ancora si concentri in alcune regioni e parte delle numerose attrattive del territorio, in particolar modo al sud, non sono adeguatamente valorizzate”, si legge nel Rapporto nel quale si spiega che “il 61% della spesa turistica degli stranieri si concentra in 4 regioni (Lombardia, Lazio, Veneto e Toscana) con differenze molto significative: ad esempio, in Lombardia, i turisti stranieri hanno speso 6,5 miliardi di euro, mentre in Campania, regione del sud che registra la spesa piu’ alta, si e’ arrivati a 1,8 miliardi, vale a dire meno di un terzo”.