Turismo in Campania, Atex lancia l’idea di una Card Vacanza

200

di Marco Milano

Strategie di marketing turistico per la Campania e una “Card Vacanza 2020”. Per la fase due si chiede un’accelerata ed una rapida programmazione delle politiche di promozione della terra campana. Sergio Fedele, presidente dell’Atex Campania, l’associazione per il turismo extralberghiero chiede alle istituzioni di “fare presto” e di organizzare con urgenza una politica di rilancio dei territori della Campania, nei giorni in cui si lavora per la riapertura delle attività del terziario. “La Campania, Napoli, Capri e Sorrento sono ferme – lamenta Sergio Fedele – circola con sempre maggiore insistenza che potrebbe essere il 1° giugno la fatidica data di riapertura per le strutture ricettive”. E l’associazione Atex “in rappresentanza del sistema d’accoglienza del Turismo Individuale (Extralberghiero e Indotto della filiera turistica) – ha spiegato il presidente Fedele – ha rivolto un appello al presidente della Regione Campania e ai sindaci dei comuni di Napoli, della penisola Sorrentina, dell’isola di Capri e di Positano”. Secondo l’Atex Campania “occorre il protocollo e il vademecum per le prescrizioni sanitarie cui attenersi per evitare improvvisazioni ed una immediata strategia di marketing territoriale”. Strategie di marketing, dunque, per la Campania per promuovere come già stanno facendo gli altri territori italiani il cosiddetto turismo di prossimità. “Il tempo è una variabile decisiva per battere una concorrenza agguerritissima perché – ha spiegato Sergio Fedele – comunque il numero complessivo di turisti italiani che viaggerà non sarà alto. Tutti i territori si stanno organizzando. Come ricordato dal presidente, l’associazione Atex ha proposto specifiche iniziative di marketing come il “video promozionale delle località turistiche campane prodotto dalla Regione e trasmesso sulle emittenti nazionali da cui emerga una organizzazione ricettiva curatissima per la sicurezza sanitaria degli ospiti e vacanze progettate in funzione di alcune limitazioni da distanziamento”. Inoltre per cercare di attrarre flussi turistici in agenda c’è “About Sorrento”, un progetto già pronto “che potrebbe da subito promuovere la penisola sorrentina coinvolgendo l’intero territorio. Altra iniziativa potrebbe essere, infine, la “Card Vacanza 2020” con la quale i comuni potrebbero offrire agli ospiti sconti del venti per cento nelle strutture ricettive, nei ristoranti, nei bar, negli esercizi commerciali, negli stabilimenti balneari.