Turismo, presto navette tra Capodichino e Reggia di Caserta

33

Navette per portare i turisti da Capodichino alla Reggia di Caserta, contatti con il Porto di Napoli per attrarre i crocieristi e con Ferrovie dello Stato per aumentare i collegamenti regionaliNapoli-Caserta e quelli nazionali con Roma. Il tutto anche in vista dell’inaugurazione, il primo giugno prossimo, della mostra d’arte contemporanea “Terrae Motus. Sono alcuni degli obiettivi illustrati oggi dal direttore della Reggia vanvitelliana patrimonio dell’Unesco, Mauro Felicori, nella prima conferenza stampa da quando si è insediato nell’ottobre scorso. 

L’occasione è la presentazione dell’Associazione Amici della Reggia di Caserta, che “avvicina il Palazzo Reale a tutti i grandi monumenti europei, che hanno associazioni di cittadini al loro fianco che si impegnano nella promozione del sito“. L’associazione avrà come presidente onorario Toni Servillo, che già sabato prossimo 30 gennaio (ore 17) incontrerà i soci nella Cappella palatina della Reggia. Alla conferenza interviene anche Armando Brunini, amministratore delegato di Gesac, società che gestisce l’aeroporto di Capodichino. “Il futuro di Capodichino è legato allo sviluppo del territorio circostante – ha detto Brunini – per cui siamo felici di collaborare con un monumento così importante come la Reggia di Caserta, che è raggiungibile facilmente e velocemente dallo scalo napoletano. Negli ultimi anni abbiamo avuto un aumento del traffico internazionale, con 15 nuove rotte, speriamo che con queste collaborazioni aumenti anche il traffico domestico“. 
 
L’Associazione composta da numerosi professionisti casertani, avrà come obiettivo quello “di sostenere la Reggia – spiega il presidente pro-tempore Paolo Provitera – attraverso progetti di valorizzazione, anche attraverso i tantissimi casertani che vivono fuori. A loro chiediamo di essere ambasciatori della Reggia in Italia e nel Mondo“.