Turismo, stagione da record per Capri: in crescita presenze e prezzo medio delle camere

97

Numeri record con “ottimi tassi d’occupazione” delle camere d’albergo e un turismo “che sta salendo di qualità”. Così Sergio Gargiulo, presidente di Federalberghi Capri, legge i primi dati della stagione turistica che sull’isola azzurra sembra confermare il trend positivo degli ultimi anni. “Non ci possiamo proprio lamentare – spiega all’Adnkronos il numero uno degli albergatori capresi – la stagione turistica è cominciata benissimo già a maggio e prosegue altrettanto bene. E se le presenze, come è naturale su un’isola, non possono aumentare più di quelle che già abbiamo, quest’anno abbiamo ottimi tassi di occupazione e il prezzo medio delle camere che sta lievitando”. Segnali, spiega, “che il turismo di Capri sta salendo di qualità”. Gargiulo spiega di non volersi schierare nella “querelle” tra i comuni di Capri e Anacapri, sull’ormai nota ordinanza “della discordia” che limita il traffico a ridosso del porto di Marina Grande, ma si limita a dire che “si sta tentando un esperimento, e se non si tenta non si ottiene niente. Può andare bene o male, ma bisogna provare altrimenti rimaniamo alle chiacchiere che non portano alcun risultato”.
Secondo Gargiulo “bisogna limitare il traffico privato, le auto dei bed & breakfast che vanno a prendere i clienti al porto e che potrebbero piuttosto coalizzarsi tra loro e prevedere un servizio di accoglienza”. Per quanto riguarda Anacapri, il comune alto dell’isola, secondo il presidente della Federalberghi caprese “bisognerebbe iniziare a pensare alla possibilità di migliorare l’approdo della Grotta Azzurra, in modo da permettere ai clienti di vedere la grotta e poi salire da lì ad Anacapri. Sarebbe un approdo piccolo – conclude – ma così facendo anche Anacapri avrebbe il suo approdo”.