Tv, in uno speciale in 16 puntate il testamento ai giovani di Piero Angela

26

“Un lascito straordinario che Piero Angela fa alla nostra televisione, un esempio di servizio pubblico unico”. Lo ha detto l’ad della Rai, Carlo Fuortes, in occasione della presentazione del programma lasciato in eredità dal conduttore e divulgatore scientifico morto due mesi fa, il 13 agosto, a 93 anni.

Un ‘Super Quark’ speciale – titolo ‘Prepararsi al futuro’ – dedicato ai temi dei cambiamenti climatici e dell’ambiente, dell’energia e della scienza. Un’idea che Piero Angela ha pensato appositamente per le nuove generazioni e ‘confezionato’ prima di morire: 16 puntate, di mezz’ora l’una, che andranno in onda su Rai3 da domani, venerdì 14, alle ore 15.

Fuortes – che ha sottolineato l’importanza del ruolo di Alberto Angela, il figlio di Piero, che “continuerà su quella strada” – ha spiegato: “Quest’ultimo programma è una sorpresa straordinaria perché è un’eredità che lascia non solo a noi come azienda ma a tutti i cittadini che sono legati al suo lavoro. Veramente gli dobbiamo rendere grazie”.

Silvia Calandrelli, direttrice Rai Cultura ed Educational, ha sostenuto che si tratta “di un testamento, di un’eredità, ma anche di una sfida a tutti noi. Io – ha raccontato – sono in Rai da 33 anni, Piero Angela è stato in Rai per 70 anni e fino all’ultimo giorno ha lavorato con passione, rigore e con grande capacità di innovazione. Queste 16 puntate sono rivolte esplicitamente alle nuove generazioni, sono state pensate da Piero Angela proprio per loro e anche l’orario della messa in onda, alle ore 15, il dopo pranzo… questo riteneva fosse l’orario giusto. Poi naturalmente le puntate, di mezz’ora l’una, sono tutte su Rai Play. Ieri – ha ricordato – abbiamo donato al presidente Sergio Mattarella, con Alberto e la famiglia di Piero Angela e con l’ad Fuortes, una copia di quest’ultimo lavoro”.

Dopo la presentazione in conferenza stampa, è stato proiettato in anteprima un mix delle 16 puntate che andranno in onda da domani su Rai3: Piero Angela, con i suoi usuali toni pacati, affronta temi cruciali del nostro tempo come il clima e l’energia pulita. “I tempi sono stretti ed è proprio in questi tempi che si gioca la partita dell’ambiente” ha concluso Piero Angela nella puntata trasmessa a viale Mazzini.