Tv, su Rai5 lo spettacolo sul terremoto dell’Irpinia

35
Andrà in onda sabato 25 novembre alle 22.15, su Rai 5, “Il Fulmine nella terra. Irpinia 1980”, lo spettacolo, scritto da Mirko di Martino (direttore del Teatro dell’Osso di Napoli) e patrocinato dal Giffoni Experience. Nata come opera teatrale nel 2010, dopo aver girato numerosi palcoscenici italiani aggiudicandosi diversi riconoscimenti (tra questi la nomination come Migliore Attore al suo protagonista, Orazio Cerino, al Roma Fringe Festival 2014) la rappresentazione è pronta ad essere trasposta sul piccolo schermo. Il sipario ha lasciato il posto alla macchina da presa del team del Gex che, con la regia televisiva di Luca Apolito, le riprese di Fiorenzo Brancaccio, Francesco Paglioli e Gianvincenzo Nastasi hanno dato una seconda vita all’opera. Le musiche sono firmate da Nicola Dragotto, Bruno Tomasello e Polo Sud Edizioni Musicali, mentre il produttore associato è Roberto Sapienza. “Siamo felici di questo risultato – spiega l’attore Orazio Cerino – quello che mettiamo in scena è un teatro per rievocare, condividere e ricostruire. Anche se sono passati più di 30 anni un sisma ha sempre le stesse dinamiche: i tempi di ricostruzione sono lunghissimi, le vittime non sono soltanto chi finisce sotto le macerie ma anche chi perde la casa. Grazie alla lungimiranza del Giffoni Experience e alla collaborazione con la Rai – conclude – l’opera, finalmente, entrerà a casa di tutti”. Dal 2018 lo spettacolo riprenderà a solcare tutti i palcoscenici d’Italia. “Il 23 novembre 1980 il terremoto più distruttivo della nostra storia recente – ricorda il direttore del Giffoni Experience, Claudio Gubitosi – ha piegato molte famiglie. Quel giorno il cinema Moderno, gestito dal Festival, divenne centro operativo e di primo soccorso. Abbiamo voluto fortemente dare il nostro sostegno al progetto, ideato nel 2010 dal Tetro dell’Osso e poi trasposto televisivamente dal nostro team, perché crediamo che quest’opera sia in grado di mettere allo specchio l’Italia, dando una visione chiara delle cicatrici e delle piaghe ancora da sanare che rimangono da quel giorno”.