Ucraina-Russia, Zelensky: “Pronti per agire”

47

(Adnkronos) – “Questa settimana sta volgendo al termine, una settimana molto fruttuosa per l’Ucraina. E in questi giorni ci stiamo preparando attivamente per i nuovi eventi di maggio e giugno. Dobbiamo rendere questo momento non meno fruttuoso sia nella fornitura di armi per i nostri soldati, sia nelle decisioni per l’Ucraina, nei negoziati con i nostri partner”. Ad affermarlo, secondo quanto riferisce ‘Ukrainska Pravda’, è il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky nel suo consueto discorso serale.  

“La preparazione delle decisioni sanzionatorie contro l’aggressore continua. Stiamo aspettando incontri internazionali di vari livelli a Kiev. Stiamo parlando con i partner per armi che ci aiuteranno a fare di più per ripristinare la pace”, sottolinea il presidente ucraino. 

ALLARME AEREO A KIEV, ESPLOSIONE A ODESSA, BOMBARDAMENTI A SUMY – Scatta intanto l’allarme aereo a Odessa, dove si è sentita un’esplosione, ma anche a Kiev e nella regione. Lo riferiscono i media ucraini. Secondo Suspilne, si è verificata un’esplosione a Odessa dopo di che è scoppiato un incendio. Il lavoro di difesa aerea alla periferia della capitale è stato anche segnalato dall’amministrazione militare della città di Kiev. 

Le forze russe hanno inoltre effettuato 16 attacchi al confine della regione di Sumy e complessivamente sono state registrate 106 esplosioni. Lo riferisce ‘Ukrainska Pravda’ che cita l’amministrazione militare regionale di Sumy. 

BAKHMUT, “WAGNER GUADAGNA TERRENO” – Le unità della Wagner avrebbero guadagnato terreno a Bakhmut. A sostenerlo è il capo e fondatore di Wagner, Yevgeny Prigozhin. “Solo 2,37 chilometri quadrati restano sotto il controllo delle forze armate ucraine”, ha detto. “Oggi, l’avanzata delle unità Wagner è stata pari a 280 m in varie direzioni”, ha sottolineato Prigozhin. “Stiamo andando avanti, stiamo aspettando le munizioni”, ha aggiunto.
 

1.500 EVACUATI DA ZAPORIZHZHIA – Sono più di 1.500 le persone che sono state intanto evacuate da Zaporizhzhia, nell’Ucraina meridionale, dove si trova la centrale nucleare più grande dell’Europa. Lo ha scritto su Telegram il governatore filorusso ad interim di Zaporizhzhia Yevgeni Balitsky ricordando che è stata presa la decisione di trasferire temporaneamente i bambini con i loro genitori, anziani, disabili e pazienti ospedalieri da 18 insediamenti di prima linea della regione di Zaporozhzhia nella regione a causa delle operazioni condotte dalle truppe ucraine. “Sono già state sfollate 1.552 persone dal territorio di cinque distretti e due città in prima linea, tra cui 632 minori, 145 pazienti del centro psico-neurologico, di cui 10 con mobilità ridotta. Le persone stanno anche lasciando da sole i territori pericolosi a bordo di veicoli privati”, ha scritto.