Ucraina, Zelensky a Xi: “Cina ci aiuti a riportare bambini da Russia”

29

(Adnkronos) – L’integrità territoriale dell’Ucraina, la restituzione dei prigionieri e il rientro di circa 20mila bambini “rapiti”. Sono i temi discussi dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky e il presidente cinese Xi Jinping nella loro telefonata di due giorni fa. Zelensky ha rivelato ulteriori dettagli della sua conversazione con il leader cinese, la prima dall’invasione russa dell’Ucraina. 

Durante la telefonata, Zelensky e Xi hanno parlato dell’integrità territoriale dell’Ucraina “compresa la penisola della Crimea annessa dalla Russia” e della Carta delle Nazioni Unite, ha detto il presidente ucraino in una conferenza stampa a Kiev. “Abbiamo avvertito il rispetto della Cina per queste nostre istanze”, ha aggiunto, chiarendo che non si è parlato di visite reciproche con Pechino. 

Zelensky ha continuato dicendo di aver anche chiesto a Xi di cercare di convincere Mosca per quanto riguarda il ritorno dei prigionieri di guerra ucraini e di circa 20.000 “bambini rapiti”. “Lo dico apertamente – ha aggiunto – Al momento solo l’Ucraina sta aiutando l’Ucraina con il ritorno dei nostri figli. Ci sono stati sforzi da parte delle Nazioni Unite, ma solo con scarsi risultati”. 

CONTROFFENSIVA – Il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba ha messo in guardia dal considerare l’attesa controffensiva di Kiev come una “battaglia decisiva” che metterà fine alla guerra. “La controffensiva non deve essere considerata come una battaglia decisiva. La battaglia decisiva sarà quella che porterà alla completa liberazione dei territori ucraini. Potremo trarre questa conclusione alla fine, non all’inizio della battaglia”, ha detto Kuleba, citato da Interfax-Ukraine, dopo che altri esponenti del governo hanno invitato a non esagerare le aspettative. 

“Se servirà una sola controffensiva, allora e ne sarà una, se ne serviranno due o più, così sarà. Non è un conflitto che possiamo congelare”, ha detto ancora Kuleba, sottolineando che l’Ucraina combatterà fino alla vittoria. 

KIEV-PRAGA: ACCORDO PER ARMI – L’Ucraina e la Repubblica Ceca produrranno insieme munizioni, armi, riparazione di carri armati, nonché lavoreranno alla potenziale produzione di velivoli da addestramento. Lo ha detto il presidente della Repubblica Ceca Peter Pavel in conferenza stampa congiunta a Kiev con i presidenti di Ucraina e Slovacchia, Zelensky e Zuzana Chaputova. 

“Abbiamo preparato 6 progetti chiave di produzione congiunta con società ucraine e ceche – ha annunciato il presidente ceco – Per quanto riguarda i progetti specifici, riguardano la produzione di munizioni, armi leggere, la riparazione di carri armati, come il T-62, nonché la potenziale produzione di velivoli da addestramento. Per noi, il trasferimento di tecnologie e produzione è una priorità perché vogliamo venga realizzata sul territorio dell’Ucraina”.