Ucraina, Zelensky: “Piano Russia è chiaro, difesa Kharkiv regge”

15

(Adnkronos) –
L’Ucraina non cede terreno nella regione di Kharkiv, la linea di difesa tiene lungo tutto il fronte: la strategia della Russia, almeno per ora, non paga. E’ il quadro che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky delinea al termine della giornata, caratterizzata da nuove operazioni delle forze di Mosca nell’oblast di Kharkiv, fulcro della guerra da 10 giorni. 

Sette persone sono morte e altre 19 sono rimaste ferite in un nuovo attacco russo, dice il governatore, Oleg Sinegubov, secondo cui “gli occupanti hanno attaccato una zona che gli abitanti stavano evacuando”. Nell’attacco è rimasto ferito anche un operatore sanitario, mentre è stata danneggiata un’ambulanza. 

“Abbiamo consolidato le nostre posizioni nella regione di Kharkiv”, dice Zelensky dopo il briefing con il generale Oleksandr Syrsky, comandante delle forze armate. In particolare, afferma il presidente, si è rivelata efficace l’azione della 57esima brigata e dell’82esima brigata. 

“Allo stesso tempo -prosegue il presidente- i nostri reparti stanno infliggendo danni pesanti agli invasori nel Donetsk, in particolare nell’area di Chasiv Yar”, la roccaforte ucraina che Mosca punta a conquistare per poter puntare ad un’offensiva su larga scala verso ovest. “Di fatto -afferma Zelensky- la Russia non raggiunge l’obiettivo di allargare le maglie della nostra difesa per indebolire l’Ucraina su un ampio fronte da Kharkiv alle regioni del Donetsk”. 

La strategia russa, d’altra parte, appare ormai chiara. La Russia ha lanciato l’offensiva verso Kharkiv ma l’obiettivo va ben al di là della regione, in cui – come dichiarato più volte dal presidente Vladimir Putin – si punta a creare una zona cuscinetto che allontani l’artiglieria e i droni ucraini dai territori russi.  

In vista di una futura offensiva ‘vera’ e su larga scala, nel mirino della Russia c’è soprattutto Chasiv Yar. Conquistare la città significherebbe, per Mosca, avere il controllo su un nodo logistico da cui gestire il piano per sfondare verso ovest e costringere le difese di Kiev a diluirsi lungo la linea di un fronte sempre più ampio.