Ue, quale futuro dopo la Brexit e la pandemia: alla Federico II tavola rotonda sul libro di Aleotti e Desideri

36

Si terrà a Napoli (giovedì 28 ottobre 2021, alle ore 17, Aula Spinelli del Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università Federico II in via Leopoldo Rodinò 22) la tavola rotonda dal titolo “L’Europa vista da prospettive diverse: problematiche e possibili soluzioni”. L’occasione è la presentazione del volume “Brevi scritti sull’Europa” a cura di Umberto Aleotti e Bianca Desideri.
“Si tratta – si legge in una nota – di un momento di riflessione sul futuro dell’Unione Europea alla luce dei mutamenti socio-economici causati dalla pandemia Covid-19 e sulle conseguenze prodotte dalla Brexit: riflessione che prende spunto da un testo, “Brevi scritti sull’Europa”, alla cui stesura hanno partecipato docenti universitari, giornalisti, avvocati, giuristi ed esperti, che hanno voluto offrire un contributo di idee ed esperienze alla pubblicazione, edita dalla Fondazione Aimc onlus”.
Introdurranno i vari interventi, i saluti di Vittorio Amato, direttore del Dipartimento di Scienze Politiche della Federico II, e di Giuseppe Desideri, Ppresidente della Fondazione Aimc onlus.
Interverranno, moderati da Gianluca Luise, docente di Storia delle Istituzioni Politiche europee della Federico II, in qualità di relatori, Francesco Avolio, vicepresidente della delegazione campana del Comitato esecutivo dell’Unione avvocati europei (Uae); Antonella Batà, docente di Diritto privato della Federico II; Maurizio Bianco, già presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli; Emilio Contrasto, segretario generale Unisin/Confsal; Bianca Desideri, docente di Diritto dell’Unione europea in master Ium Academy School, segretario regionale responsabile della Campania Unisin/Confsal; Antonio Lanzaro, già docente di Diritto internazionale presso l’Università Parthenope; Susanna Quadri, docente di Diritto internazionale presso la Parthenope; Mario Raffa, già decano di Ingegneria gestionale presso l’Università Federico II, componente del direttivo del Premio Nnazionale per l’Innovazione; Umberto Aleotti, docente di Diritto internazionale presso la Scuola Superiore per Mediatori Linguistici di Maddaloni.