Ue, via al sesto pacchetto di sanzioni contro Mosca: dal petrolio alle banche

40

Il Consiglio Ue ha formalmente adottato il sesto pacchetto di sanzioni che entrera’ in vigore subito dopo la pubblicazione in Gazzetta europea. Il pacchetto include l’embargo al petrolio con deroghe per il greggio in arrivo via oleodotti, l’esclusione dal sistema Swift di 4 ulteriori banche russe e la sospensione delle trasmissioni in Ue per tre tv statali russe.
“Alla luce della continua guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina e del sostegno della Bielorussia ad essa, nonché delle atrocità segnalate commesse dalle forze armate russe in Ucraina – si legge nella nota Ue -, il Consiglio ha deciso oggi di imporre un sesto pacchetto di sanzioni economiche e individuali che colpiscono sia la Russia che la Bielorussia. Il pacchetto concordato comprende una serie di misure volte a contrastare efficacemente le capacità russe di continuare l’aggressione”. L’Ue ha deciso di vietare l’acquisto, l’importazione o il trasferimento di petrolio greggio e di alcuni prodotti petroliferi dalla Russia all’Unione. L’eliminazione graduale del petrolio russo durerà da 6 mesi per il greggio a 8 mesi per gli altri prodotti petroliferi raffinati. È prevista un’eccezione temporanea per le importazioni di petrolio greggio tramite oleodotto in quegli Stati membri dell’Ue che, a causa della loro situazione geografica, soffrono di una dipendenza specifica dalle forniture russe e non hanno opzioni alternative valide. Inoltre, anche la Bulgaria e la Croazia “beneficeranno di deroghe temporanee per l’importazione di petrolio greggio russo via mare e di gasolio sotto vuoto”.