Ultimatum al Colle

23

Roma, 27 mag. (AdnKronos) – Ventiquattro ore per formare un governo o si torna al voto. E’ l’ultimatum lanciato ieri dai leader di M5S e Lega Luigi Di Maio e Matteo Salvini per scongiurare eventuali veti del Quirinale sulla lista dei ministri e superare l’attuale impasse. “O il governo parte nelle prossime ore e si inizia a lavorare o tanto vale tornare a votare e prendere la maggioranza assoluta”, ha tuonato il segretario del Carroccio dal palco della festa del partito a Martinengo trasmessa via Facebook – la squadra di governo che stiamo discutendo col presidente del Consiglio incaricato penso sia la migliore possibile per il cambiamento. Spero che nessuno metta i bastoni fra le ruote o dica dei no”. Sulla stessa linea il capo politico del M5S che, intervenendo al comizio di chiusura della campagna elettorale del candidato-sindaco 5Stelle a Terni, ha ribadito: “Abbiamo già perso troppo tempo, o si chiude entro 24 ore e siamo messi nelle condizioni di poter cominciare a lavorare o lasciamo perdere”.

Lo scoglio, ancora una volta, è rappresentato dal nome di Paolo Savona indicato dalla Lega e condiviso con i 5 Stelle per la delicata casella del ministero dell’Economia. Una nomina difesa a spada tratta dal leader del Carroccio: “Fare gli interessi degli italiani non è una colpa. Ci dicono: ‘no quello non può fare il ministro perché ha detto prima vengono gli italiani, poi le regole europee. Quello non può fare il ministro perché vuole che l’Europa cambi, perché vuole cambiare i Trattati o perché si è permesso di dire che l’euro è una moneta che ha aiutato solo l’economia tedesca’. Uno che la pensa così e che dice queste cose è il mio ministro”. Insomma Salvini, forte di quello che considera un sostegno pieno da parte di Di Maio, non intende cedere sull’economista euroscettico ed è pronto a far saltare il banco se non dovesse cadere il veto del Colle.

I grillini da parte loro sostengono la linea oltranzista della Lega, facendo quadrato attorno a Savona. Il leader Di Maio, a quanto apprende l’Adnkronos da esponenti pentastellati, avrebbe chiesto a parlamentari e collaboratori di sondare la disponibilità di figure di alto profilo del mondo economico o accademico a spendersi con ‘endorsement pesanti’ nei confronti dell’economista euroscettico. Anche Alessandro Di Battista – che da sempre incarna l’anima più movimentista dei grillini – è tornato a farsi sentire su Facebook, definendo inaccettabili i “veti sul ministro dell’Economia” posti dal Capo dello Stato. Mattarella, dal canto suo, non intende però svolgere una semplice funzione ‘notarile’ né sembra disposto ad accettare diktat. Si complica sempre di più, quindi, il lavoro del presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte che oggi, Giro d’Italia permettendo, visto che il centro storico della Capitale è off limits per la conclusione della gara ciclistica, potrebbe nuovamente salire al Quirinale.