Un angolo di Birmania negli scatti di Ariemma

35

(My)anmar, al Pan, ancora in mostra questo primo fine settimana del mese, il primo progetto fotografico e artistico di Federica Ariemma. Le fotografie che compongono il lavoro sono state scattate durante un soggiorno in Birmania ( il cui nome ufficiale è oggi Myanmar) dalla giovane autrice. Al solo sguardo si percepisce si tratti di un viaggio sognato. E programmato da tempo, finalmente realizzato la scorsa estate 2015. Un mondo nuovo, dove la giovane fotografa si trova quasi catapultata e costretta ad affrontare la differenza fra ciò che si è immaginato e ciò che è reale. L’esperienza di viaggio asiatico vissuta da Federica Ariemma si propone come un viaggio all’interno di se stessa dove la canonicità del reportage cede il passo allo sguardo lucido volto a percepire i cambiamenti manifestati in una società avviata verso una tumultuosa trasformazione, dove modernità e retaggi di passato si trovano a convivere in un dialogo di scontri e confronti fino ad arrivare allo sguardo, quasi un angolo personale della Auriemma sulla Birmania. La mostra, curata da Chiara Reale, sarà visitabile fino al 6 dicembre 2015.

 

Un angolo di Birmania negli scatti di Auriemma