Un leader combina conformità e innovazione

23
Quadro di Paolo Righi

Io non ho paura di un esercito di leoni, se sono condotti da una pecora.
Io temo un esercito di pecore, se sono condotte da un leone
Alessandro Magno

di Ugo Righi

La leadership consiste nel creare patrimonio agendo sulle componenti interne di un sistema allo scopo di aumentare l’integrazione interna e agire con successo nei confronti delle variabili del sistema esterno.
Credo siano quattro le principali componenti di un comportamento di chi ha potere, che genera potere inteso come diffusione della potenzialità di ottenere o impedire cambiamenti di valore, agendo su aspetti che presidiano la conformità e aspetti che presidiano l’integrità.
Il primo: ha una prospettiva profondamente etica, consapevole che il suo comportamento determina la realtà, quindi presidia gli standard di funzionamento che sono imposti dall’esterno, ma governa con integrazioni e modelli di funzionamento interno,determinando standard interni coerenti con le variabili di business.
Il secondo: cerca di prevenire pratiche scorrette, soprattutto se sono perseguibili legalmente, ma realizza condotte e comportamenti responsabili in cui i soggetti hanno chiaro il valore anche delle pratiche “imposte”.
Il terzo: orienta al rispetto formale del funzionamento ma è sviluppa  pratiche di management che danno senso logico alle azioni, soprattutto quelle di sviluppo del capitale umano.
Il quarto: riduce la  discrezionalità rispetto ai metodi che implicano penalità a fronte trasgressioni, ma  punta sulla formazione, sull’esempio del suo comportamento, sull’ottimizzazione dei processi allo scopo di potenziare il sistema e ridurre gli sprechi.
In sostanza i suoi sistemi di governo,  combinano in modo equilibrato l’ingiunzione di base che può essere espressa dal dovere e quella che invece è spinta dal piacere.
Articola, in modo equilibrato, la prima spinta che da sola diventerebbe rigidità e della seconda che da sola diventerebbe caos.
Parafrasando Braque possiamo dire che ama la regola che controlla  le dimensioni espressive ma le considera fondamentali per dare senso e colorare le regole.