Un museo tira l’altro: via Duomo e i suoi tesori

79

Dal protocollo d’intesa siglato tra I’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e i rappresentanti di sette dei maggiori musei presenti nell’area di via Duomo si apre una nuova era dei beni culturali volta alla tutela, valorizzazione e promozione dell’immenso patrimonio artistico-culturale partenopeo. Le realtà museali coinvolte sono: Museo Civico Gaetano Filangieri, il complesso monumentale di San Severo al Pendino, il Pio Monte della Misericordia, il Museo del Tesoro di San Gennaro, il Monumento Nazionale dei Girolamini-Quadreria, il Complesso Monumentale Donnaregina, Museo Diocesano, il Museo d’arte contemporanea MADRE. 

tavolo relatori 31marzo2016

L’iniziativa, nella sua fase di sperimentazione dal 1 aprile al 21 giugno, prevederà due azioni: da un lato la nascita di un biglietto aggregato, che consentirà, con l’acquisto di un biglietto intero per uno dei musei, l’ingresso agli altri ad un prezzo ridotto, rispondendo, così, alle esigenze del turista e del cittadino; dall’altro la creazione di percorsi didattici integrati tra i sette musei per una maggiore conoscenza degli stessi.
Via Duomo, ribattezzata per l’occasione la “Via dei Musei”, racchiude, infatti, in meno di un chilometro, il più grande patrimonio artistico-culturale, dall’antico al contemporaneo, presente nel cuore del centro storico di Napoli. Il progetto, nato dal territorio, punta sul dialogo e sulla reciproca collaborazione tra istituzioni ed enti culturali e si inserisce nella poderosa ripresa turistica che la città di Napoli sta registrando ormai già da qualche anno. Obiettivo comune è la creazione di una nuova responsabilità collettiva che possa portare ad una riqualificazione urbana della città, arrestandone, così, il degrado sociale e culturale.