Un premiato e quattro mentori
A Roberti il Mario Cuomo Award

28

Quattro mentori un premiato davvero speciale per Quattro mentori un premiato davvero speciale per testimoniare la lezione di Mario Cuomo, l’ex governatore dello Stato di New York scomparso a gennaio, il primo italoamericano a guadagnare il ruolo: “non mollare mai”. Nel ricordarlo il New York Times ha infatti rimarcato una frase che fu cruciale per tutta l’avventura politica e umana di “big Mario”: “He tried”, ci ha provato. E proprio nel segno di questa spinta a misurarsi con le proprie ambizioni, senza remore, che ha preso il via domenica 22 marzo la prima edizione del Mario Cuomo Award consegnato al napoletano Franco Roberti, magistrato dalla autorevole carriera e attuale procuratore nazionale antimafia. Evento nell’evento, “YouFilmaker”, Festival Internazionale del Corto Giovanile, è presieduto da Matilda Raffa Cuomo, moglie di Mario, madre di Andrew, attuale governatore dello Stato di New York, numero uno di Mentoring Usa, affiancata dal nipote Sergio che guida l’associazione in Italia. La rassegna, dedicata alle creatività audiovisiva dei ragazzi, ha preso il via lunedì 23 marzo alla Mostra d’Oltremare e durerà fino a mercoledì 25 marzo tra workshop, proiezioni, seminari. The persons who changed my life – Il debutto è stato affidato domenica ad una serata organizzata in collaborazione con il Denaro diretto da Alfonso Ruffo. Filo conduttore? “The person who changed my life”, ossia “la persona che ha cambiato la mia vita”, frase che dà il titolo al libro scritto da Matilda Raffa Cuomo, madrina d’eccezione dell’evento. L’opera raccoglie confessioni e ricordi di personaggi illustri, da Bill Clinton a Nora Ephron, da Alan Alda a Whoopi Goldberg, relativi agli incontri privati che hanno lasciato un segno profondo. Occasione per parlarne con i numerosi ospiti, tra cui i premiati del format “The person who changed my life”: Grazia Bottiglieri, Gianni Lettieri, Patrizio Oliva e Fabrizio Vinaccia. Ognuno ha rivelato al pubblico il nome del proprio mentore e perché dopo averlo incrociato nulla più è stato come prima. Al termine dello scambio di curiosità e riflessioni è stato proiettato un filmato che ha ripercorso la biografia del compianto esponente di punta del Democratic Party.   Soltanto le prime, importanti battute di una kermesse affollata di appuntamenti. Durante i quattro giorni di contest dedicati ai corti, in corso presso la Mostra d’Oltremare di Napoli, i giurati di “YouFilmaker”  hanno il compito di selezionare i cortometraggi migliori all’interno di quattro diverse categorie: Yfm Scuola, Yfm Scuola Campania e Yfm Pro, quest’ultimo rivolto ai giovani professionisti.   Menti e talenti promettenti che sono stati invitati a confrontarsi con tematiche di urgente attualità: dall’immigrazione alla pace, dallo sviluppo sostenibile alle discriminazioni, dalle emergenze sociali all’importanza della promozione della conoscenza.   Risultato? Corti, spot, documentari per comunicare visioni del mondo innovative e vincere un viaggio a New York a dicembre per presentare la propria opera al Festival Plural+, organizzato dall’Onu. Un’avventura che conta partner importanti, come il Giffoni Film Festival, il colosso dedicato al cinema per ragazzi ideato da Claudio Gubitosi, e Cineama, piattaforma digitale per la produzione di film indipendenti (www.youfilmaker.org).