Un turista nel Regno di Zenda: i leader che non ci sono più

186

Il nostro turista scopre quanto sia lunga la lista dei progetti che si rivelano essere dei ballon d’essai. Si va dalle infrastrutture di trasporto e dalle reti digitali di comunicazione alle imprese innovative per mercati innovativi e ai beni collettivi gestiti da protagonisti tra loro in concorrenza. Capita che i progetti siano anche brillanti. È la loro implementazione che è mediocre. E pure di progetti mediocri ben attivati se ne vedono pochi.

Il fatto è che nel Regno di Zenda sono ancora pochi i leader che attivano progetti ambiziosi con obiettivi profondamente condivisi e che erigono solidi edifici innalzati con i mattoni della fiducia e abitati da tutti gli appartenenti alla comunità nazionale in tempi in cui nel Regno l’indicatore del livello di fiducia, già basso, è rivolto in giù. Né abbondano i leader che iniettano ossigeno nei polmoni dei loro team di progetto e infondono tra i membri della squadra il senso di responsabilità. Tanti sono invece i tiranni che difendendo a oltranza lo status quo impediscono l’emersione di nuovi protagonisti della vita imprenditoriale e di nuovi attori della società civile. Gli esploratori di cose nuove fatte in modo nuovo sono già stati costretti a volgere le loro vele altrove, verso l’occidente americano e il nord scandinavo, ieri, e oggi veleggiano verso il Regno di Cinindia: l’emergente Cina & India Corporation.

Sono i leader imprenditoriali a produrre quella differenza che imprime un segno distintivo al tessuto economico. Sono i leader politici che differenziano il paese che governano dagli altri paesi. Creano differenze imprenditoriali e civili i leader che privilegiano i sali e scendi del terreno meritocratico rispetto alla piatta pianura di una burocratica eguaglianza che toglie la voce a quanti per le loro competenze sono ben connessi alle reti senza frontiere che innervano i tessuti dell’economia della conoscenza. Di leader siffatti nel Regno di Zenda non ce n’erano più.

piero.formica@gmail.com