Una comunità per la salute mentale, domani al Suor Orsola tavola rotonda promossa da Progetto Itaca

195

Creare insieme una comunità per la salute mentale. E’ questo l’obiettivo della tavola rotonda con le Istituzioni Scolastiche, Sanitarie e Territoriali, il mondo dei Giovani e la Città, organizzata (domani, martedì 1 marzo, alle ore 15,30, al Suor Orsola Benincasa) da Progetto Itaca, con il contributo di Enel Cuore e del Rotary e in collaborazione con le Università Luigi Vanvitelli e Federico II e il Dipartimento di Salute Mentale dell’Asl Napoli 1.
Progetto Itaca è oggi una Fondazione che coordina 15 realtà regionali. Con il Progetto Scuola, si legge in una nota, “la fondazione è impegnata, fin dall’anno 2000, a diffondere un messaggio di informazione/prevenzione nelle terze e quarte superiori di centinaia di Scuole Italiane. In questi 22 anni, infatti, decine di psichiatri,​ psicologi, psicoterapeuti, volontari e professionisti del settore, hanno incontrato le Autorità Scolastiche, le famiglie e​ migliaia di giovani studenti in tutta Italia. Lo scopo è “conoscere per prevenire”. Dove la prevenzione e l’informazione diventano le chiavi di volta per l’inclusione scolastica, oltre che per restituire benessere e indicare la strada per una vita di nuovo piena e soddisfacente, anche a chi fosse già colpito da sofferenza mentale”.
“Quasi tutti – prosegue la nota – sappiamo che il disagio psichico sconvolge in molte forme la vita dei nostri ragazzi, e che la pandemia ha ulterioriormente complicato e aggravato questo problema, già drammatico. Decine di studi e ricerche ormai lo testimoniano.
Fra gli altri, la Consensus Conference 2022, redatta dall’ Università di Padova su commissione dell’Istituto Superiore della Sanità, e pubblicata il 3 febbraio scorso.
Nella Ricerca si evidenzia, come primo motivo di questa situazione, il mancato  riconoscimento dei disturbi, E ciò poiché oggi, anche i disturbi più gravi, presi all’esordio o comunque in tempi precoci, possono guarire o essere opportunamente gestiti. I primi motivi, quindi, di questo mancato riconoscimento, ci dice sempre la Consensus, sono da ricercare nello Stigma ancora forte, e nella mancanza di informazione in cui permangono le famiglie e il mondo della Scuola. Nel documento di sintesi finale, tra le varie conclusioni, spicca inoltre la necessità di ingenti stanziamenti di Fondi per affrontare questa criticità, prima che diventi una vera e propria emergenza”.
“Un’altra ricerca, pubblicata su Jama Pediatrics, che riunisce 29 studi di settore, con interviste fatte a circa 80mila ragazzi, arriva alla conclusione che 1 adolescente su 4 oggi presenta disturbi depressivi, mentre 1 su 5 disturbi d’ansia. Il problema è raddoppiato nei soli 2 anni di pandemia. Progetto Itaca tutto ciò lo sa bene e ci lavora, con l’esperienza del pioniere e muovendosi già da anni, in maniera autonoma e indipendente, sia nel mondo della famiglia, sia in quello della Scuola. In entrambi ha l’obiettivo di combattere​ lo stigma e di portare una nuova visione della malattia mentale, diffondendo una cultura di apertura e trasformazione. Adesso, con questa Tavola Rotonda, intende aprirsi ad altre realtà”.
Questo dibattito/confronto vuole essere, quindi, un primo​ richiamo, nella certezza che la città​ risponda, per realizzare insieme questa Comunità della Salute Mentale. Un esempio già in atto è la sinergia con il Rotary, con il quale stiamo lavorando per il pieno e paritario reinserimento dei disabili psichici nel mondo del lavoro, partendo dall’aspetto normativo-giuridico, fino a quello tecnico-organizzativo.
“Pensiamo quindi ad una comunità nuova e illuminata – spiegano i promotori – dove  Istituzioni,​ Scuola, Specialisti del Settore, Famiglie e Cittadini, insieme ai nostri giovani, contribuiscano, secondo le proprie esperienze, vocazioni e competenze, per​ realizzare azioni di cambiamento. Per trasformare il disagio in benessere”

Durante il pomeriggio sarà proiettato un cortometraggio, prodotto da Fondazione Itaca e da Enel Cuore, dal titolo: “Questa volta muovo io”. Promosso da Progetto Itaca Napoli, musiche Giuseppe Sasso (A.C.M.F.), sceneggiatura Emanuela Zincone, regia Mario Sposito.

Il programma